Martedì 13 Ottobre 2009

I consigli per una spesa oculata

Secondo Altroconsumo le famiglie italiane dedicano alla spesa in media 6.600 euro l'anno. L'associazione, stilando la lista dei supermercati più convenienti, dà anche qualche consiglio al consumatore, per una spesa più oculata e vantaggiosa. Eccone qualcuno
- Andate al supermercato con una lista di ciò che vi serve e cercate di attenervi a quella.
- Se entrate in un punto vendita con lo scopo di comprare un prodotto in offerta, verificatene l’effettiva convenienza e non fatevi tentare da altri articoli che non fanno parte della promozione.
- Se comprate prodotti freschi in promozione (yogurt, insalate…), controllatene sempre la scadenza e valutate se vi rimane abbastanza tempo per consumarli. State anche attenti che non siano già scaduti

QUAL E' IL VERO PREZZO

Nella giungla delle offerte e delle promozioni, e nella complicata gamma di formati in cui i prodotti si presentano, spesso è difficile rendersi conto di cosa convenga comprare guardando il prezzo degli articoli. È perciò importante confrontare i prezzi al chilo o al litro per rendersi conto di quale sia il detersivo meno caro o quale la bibita più conveniente. Lo stesso vale per stabilire l’effettiva convenienza di un prodotto in offerta: spesso la targhetta della promozione strilla il prezzo ribassato ma nulla dice sul prezzo pieno, il che rende difficile capire se si sta davvero risparmiando.

MAI INSEGUIRE LE PROMOZIONI

Le offerte allettano, non c’è che dire, ma spesso sono meno convenienti di come vogliono apparire. Fare la spesa inseguendo le promozioni dei vari punti vendita a conti fatti non si rivela il sistema migliore per risparmiare davvero. Le offerte sono uno strumento di comunicazione, una forma di pubblicità per attirare l’attenzione del consumatore. I prodotti in promozione sono quasi sempre i più cari: anche comprandoli in offerta non è detto che costino meno di un prodotto analogo non di marca. Che fare allora? Individuate il punto vendita mediamente più conveniente e fate la spesa lì.

OCCHIO ALLE POSIZIONI SUGLI SCAFFALI
La merce non è disposta sugli scaffali in maniera casuale. Gli articoli sono posizionati con un criterio che ha lo scopo di far guadagnare il supermercato. I prodotti inutili, caramelle, patatine, sono quasi sempre vicini alle casse, in modo da tentarvi mentre siete in coda. Gli articoli che il punto vendita ha interesse a smerciare (per accordi commerciali con i produttori o per esigenze interne) sono quelli messi ad altezza occhio. I prodotti convenienti sono spesso nascosti nei punti meno in vista. Imparare a percorrere le corsie del supermercato tenendo gli occhi ben aperti, e non tralasciando di guadare anche gli scaffali più bassi e più alti, può fornirvi parecchie occasioni di risparmio.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata