Venerdì 03 Aprile 2009

A Sarnico un nuovo laboratorio di analisi

Un nuovo e funzionale laboratorio di analisi che consentirà alla struttura ospedaliera lacustre di non dover più ricorrere alla esternalizzazione del servizio. È questa la novità di primavera per l’ospedale di Sarnico. Da pochi giorni infatti è funzionante il Laboratorio di analisi, un’altra tappa significativa all’interno del progetto di riqualificazione del «Faccanoni». Il reparto consentirà di ridurre i tempi di consegna dei referti entro le 24 ore anche per gli esami di routine e con la possibilità di invio telematico dei referti direttamente sui computer degli utenti. L’investimento, voluto da «Habilita» di Zingonia, che dal gennaio 2008 gestisce l’ospedale di Sarnico, ha richiesto una spesa complessiva di circa 700 mila euro.

Il laboratorio è stato realizzato nell’edificio che ospitava il reparto prima dell’inizio della fase di esternalizzazione, iniziata oltre cinque anni fa. «Il restyling si concluderà in aprile – sottolinea Livio Marossi, primario del Laboratorio di analisi – quando si completerà anche l’intervento di rifacimento dell’edificio destinato al nuovo servizio e saranno funzionanti le tre postazioni prelievi ed i servizi collegati». Oggi i prelievi all’utenza sono garantiti presso una apposita area creata all’interno dell’ospedale. Nel corso del 2008, a Sarnico sono stati eseguiti in media 120 prelievi giornalieri, per un bacino di utenza che interessa le aree del Basso Sebino, della Valcalepio ed i centri limitrofi della provincia di Brescia. «Il nuovo reparto è stato dotato di attrezzature d’avanguardia – chiarisce Roberto Rusconi, amministratore delegato di «Habilita» – con strumentazioni e procedure analitiche frutto di attente valutazioni tecniche volte a garantire elevati livelli di qualità nelle prestazioni». Gli investimenti nel centro ospedaliero di Sarnico, specializzato nell’ambito riabilitativo e dotato di tredici ambulatori specialistici, si completeranno in aprile con l’arrivo nelle palestre di nuovi strumenti riabilitativi, tra cui un robot per la riabilitazione neurologica e neuromotoria.

e.roncalli

© riproduzione riservata