Abusi sessuali in carcere Milanese finisce a processo

Abusi sessuali in carcere
Milanese finisce a processo

Finirà a processo - nell’ottobre dell’anno prossimo - per aver allungato le mani su un’agente del carcere di Bergamo.

L’accusa della quale sarà chiamato a rispondere è di abusi sessuali. Il protagonista è un milanese di 50 anni che nel marzo del 2013 era arrivato a Bergamo per andare a trovare la moglie, che in quel momento era detenuta in via Gleno.

Dopo la visita alla coniuge, all’uscita, il 50enne doveva recuperare i suoi documenti personali. e si è avvicinato all’agente. In quel momento avrebbe approfittato per allungare una mano verso la donna, toccandola.

Lei aveva subito reagito, rimproverandolo: secondo il racconto dell’agente, all’udienza preliminare, il 50 era apparso un po’ su di giri, probabilmente perché aveva bevuto.

Un’ala del carcere di Bergamo

Un’ala del carcere di Bergamo

La donna alla fine ha deciso di presentare denuncia e mercoledì mattina, 3 dicembre, il gup ha deciso per il rinvio a giudizio. La prima udienza è fissata per il 13 ottobre 2015.


© RIPRODUZIONE RISERVATA