Al via i lavori al ponte di Monterosso Brembilla: 100 giorni? Non è il Giappone

Al via i lavori al ponte di Monterosso
Brembilla: 100 giorni? Non è il Giappone

Aspettava da settimane, l’assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla, l’arrivo dei documenti per poter avviare la ricostruzione del ponte di Monterosso che sarà pronto tra 100 giorni. Lunedì l’inizio dei lavori.

Un intervento sbloccato dopo più di un anno dall’incidente, quando un’autogru in transito danneggiò irrimediabilmente la struttura. Era il 7 febbraio del 2014.

Nel frattempo il ponte è stato abbattuto (costo 35 mila euro). I lavori sono stati aggiudicati all’impresa Riva di Osio Sopra. Per il traffico l’unico momento critico, che durerà circa 5 giorni, sarà la posa delle travi ma per il momento la situazione è sotto controllo: nella mattinata di lunedì 2 marzo si è iniziato ad allestire il cantiere, con l’arrivo dei mezzi che lavoreranno in questi giorni. Parte del parcheggio accanto al ponte è infatti occupato dai mezzi di cantiere e al lavoro ci sono diversi operai che stanno effettuando le prime valutazioni. Il traffico, nella mattinata, non ha risentito dell’attività.

I lavori al ponte di Monterosso

I lavori al ponte di Monterosso
(Foto by Beppe Bedolis)

Il nuovo ponte sarà più alto di 40 cm (per un totale di 5 metri) come previsto dal codice della strada. Quanto è costata la vicenda al Comune? Circa 30mila euro, considerando che i 280 mila riconosciuti dall’assicurazione coprono quasi totalmente il costo della ricostruzione.

E l’assessore Brembilla risponde ai lettori che contestano i 100 giorni di lavoro: «Siamo partiti; un pò di ritardo per le varie incombenze legate alla gara ma siamo al via. A chi mi chiede perchè 100 giorni, rispondo che è il tempo stabilito dal progettista per alzare le spalle, fare i tiranti, ordinare e posare i prefabbricati, eseguire tutti i lavori per sottoservizi e finiture - scrive in Fb -. So che qualcuno pensa: se fossimo in Giappone, se fossimo in Australia.........si sa, l’erba del vicino è sempre più verde!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA