Alcol tra i giovanissimi, grave rischio  Anche a Bergamo allarme «chupito»
Gli shottini da 1 euro preparati in una serata in un locale nel centro di Bergamo e pronti per essere distribuiti ai giovani clienti per una bevuta tutta d’un fiato

Alcol tra i giovanissimi, grave rischio

Anche a Bergamo allarme «chupito»

Sono i bicchierini da 1 euro bevuti tutti d’un fiato. Il fenomeno cresce anche sul nostro territorio: è allarme tra i giovani. Su L’Eco di Bergamo del 20 gennaio un approfondimento sul tema.

Si comincia con un aperitivo o con una cena fra amici, per poi raggiungere la movida e mischiarsi con i coetanei nei locali e nei pub. Questo è il weekend di Borgo Santa Caterina, via Sant’Orsola e Città Alta le zone più quotate, a cui si aggiungono locali sparsi un po’ ovunque sul territorio: l’Edonè in via Agostino Gemelli, il Midori in via Giulio Cesare, l’Harlem di via Statuto, al Duse alla Rotonda dei Mille tra i più in voga.

Non sono tutti locali dove i giovani si ubriacano perché i gestori sono rigidi nei controlli, ma hanno comunque il polso della situazione su un fenomeno che serpeggia soprattutto tra i giovanissimi.

«Si decide tenendo conto delle offerte che i locali propongono – spiega Cristian, 22 anni –, c’è sempre un locale con qualche offerta allettante, cocktail a 3 euro, shottini a 1 euro e così via. Si cerca la soluzione migliore per far serata senza svuotare il portafogli. È proprio in questi locali, tra l’altro, dove si concentra la maggior parte della gente».

Giulia, 23 anni, racconta: «Si comincia con un paio di giri, un paio di drink, e poi si vede come si mette la serata. Se sei carico, vai avanti». E a mezzanotte sono molti quelli che «sono andati avanti».

Le scene di ubriachezza sono una costante nel weekend bergamasco. L’età media varia dai 20 ai 30 anni e tendenzialmente cresce di pari passo con il livello e i costi del locale in questione. I più giovani si concentrano nei pub a buon mercato: alcol di bassa qualità e musica alta. La tendenza ad assumere alcolici con l’obiettivo esclusivo di raggiungere stati di euforia ed entusiasmo, la cosiddetta ciocca del fine settimana, ha modalità ben precise.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA