Lunedì 10 Giugno 2013

Alla scoperta del territorio orobico
Dalla Provincia itinerari per l'Expo

Da tempo la Provincia di Bergamo, assessorato all'Expo, sta lavorando alla realizzazione di itinerari che guidino alla scoperta del territorio orobico durante i sei mesi dell'esposizione universale che si terrà a Milano.

Gli itinerari "Alla scoperta del territorio, parlando di Expo” sono stati pensati guardando all'obiettivo di coniugare le immense risorse territoriali, in larga parte ancora poco valorizzate, e i 44 progetti ad oggi validati e selezionati dal Tavolo di coordinamento per l'Expo, tra gli oltre duecento pervenuti.

Tenendo presente la finalità di offrire non soltanto l'ennesima guida turistica, di cui sono già ampiamente ricche le librerie, ma di dare al visitatore Expo uno strumento integrato che, scoprendo il territorio, parli anche e soprattutto di Expo il lavoro è stato così strutturato lungo due binari.

1° livello di lettura: i sottotemi
Gli itinerari pensati disegnano il territorio bergamasco articolandosi non per ambiti territoriali, seguendo una visione più propriamente "tradizionale”, ma secondo i sottotemi in cui è declinato il tema generale di Expo Milano 2015 "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, ossia:

1) Scienza e tecnologia per la sicurezza e la qualità alimentare;
2) Scienza e tecnologia per l'agricoltura e la biodiversità;
3) Innovazione della filiera agroalimentare
4) Educazione alimentare;
5) Alimentazione e stili di vita;
6) Cibo e cultura;
7) Cooperazione e Sviluppo nell'alimentazione.

Questo modo nuovo di leggere il territorio, si presta peraltro ad essere facilmente parcellizzato in porzioni di territorio, laddove necessario per l'organizzazione di una visita, e comunque genera curiosità nel turista che visitando un luogo o un progetto si trova a dover necessariamente approfondire il sottotema cui è legato, diffondendo così gli argomenti dell'esposizione.

2° livello di lettura: gli ambiti di azione
Gli itinerari sono stati articolati per macroaree, così da far comprendere al visitatore la tipologia di progetto; queste sono in particolare:

1) Per una cultura del cibo;
2) Buone prassi nell'alimentazione e stili di vita salutari;
3) Promozione dell'enogastronomia;
4) Cooperazione;

A queste aree che più direttamente coinvolgono il tema del cibo, se ne aggiungono altre genericamente volte a supportare lo sviluppo turistico certamente coinvolto dall'esposizione universale:

1) Promozione del territorio;
2) Recupero edilizio;
3) Ricettività;
4) Iniziative ludiche;

Ricordando come l'expo di Milano sarà la prima esposizione "di nuova generazione", si è ritenuto di inserire anche un tema direttamente rivolto alla:

1) Innovazione tecnologica;

Da ultimo, pur non rientrando specificamente nei temi expo, sono state inserite due macroaree a carattere generale che certamente possono fungere da supporto, ossia:

1) Supporto alle aziende;
2) Comunicazione.

Vista l'impronta ad alta informatizzazione che all'Expo è stata data, i percorsi saranno disponibili on line e resi utilizzabili con applicazioni per iphone e tablet, attraverso l'utilizzo di Qr code, così da consentire ai visitatori di Expo di costruire il proprio percorso da casa e con largo anticipo.

Oltre che informaticamente, i percorsi verranno però resi fruibili anche con modalità tradizionali, tramite mappe e opuscoli illustrativi.

Gli itinerari proposti congiungono dunque i 44 progetti validati dal Tavolo di coordinamento provinciale per l'expo nei tre anni di attività.

Nei prossimi mesi, molti dei progetti inseriti verranno dettagliati sia come contenuti, sia come collocazione territoriale. Si pensi ad esempio al progetto "I gruppi di cammino”, per cui è in fase di stesura da parte del titolare (ASL Bergamo) la proposta di itinerari pedonali in alcune aree di particolare interesse nella provincia; analogamente, per progetti relativi alle aree dei Plis Basso Brembo, Isola Bergamasca e parco del Serio che sono in fase di definizione e che si collocheranno all'interno degli itinerari formulati.

Questo progetto è dunque in divenire parallelamente allo sviluppo che il territorio saprà dare sia nei termini di nuove progettualità, sia di concretezza delle idee già proposte.

Dunque, gli itinerari per l'Expo si pongono come una sorta di "contenitore” delle idee e dei progetti che gli attori del territorio vorranno e sapranno proporre, riconoscendo alla Provincia il ruolo di ente di area vasta.

Connessione con informazioni turistico-culturali
Va da sé che questi itinerari non avrebbero l'autosufficienza di offrire informazioni di tipo turistico-culturale; tuttavia la già ampia disponibilità di materiali e informazioni turistico-culturali ha suggerito di non replicare il lavoro di ricerca e analisi ma di rendere possibile una fruizione abbinata di quanto già presente.

Dunque, quando il visitatore esplorerà, secondo questi nuovi itinerari, il territorio orobico, con un semplice click potrà attivare le informazioni tradizionali di tipo turistico culturale, come ad esempio, le strutture ricettive e di ristorazione, musei, bellezze storico-architettoniche e naturalistiche ed essere "guidato” verso ciò che è di suo interesse.

L'aver creato una modalità di visita alternativa alla prospettiva tradizionale che offre al turista percorsi di visita per ambiti territoriali non determina l'abbandono di quest'ultima, al contrario aggiungendosi ad essa come nuova modalità.

L'obiettivo di realizzare degli itinerari "Alla scoperta del territorio, parlando di Expo” è di sganciarsi dalle modalità tradizionali di visita e conoscenza del territorio che sono in parte superate dall'avvento delle moderne tecnologie.

Bergamo intende così porsi come provincia che coglie le innumerevoli opportunità che l'Expo sa offrire, garantendo massima visibilità al proprio territorio e ai progetti che esso ha saputo esprimere.Il progetto, una volta messo a punto l'impianto complessivo, potrà essere reso disponibile sul sito www.expo2015.org.

Entro il 15 luglio, verrà presentato in occasione di una commissione consiliare congiunta.

Scarica l'allegato con la presentazione

a.ceresoli

© riproduzione riservata