Allarme sfratti per morosità incolpevole Sindacati in Prefettura: bisogna fare di più

Allarme sfratti per morosità incolpevole
Sindacati in Prefettura: bisogna fare di più

Positiva l’attenzione, ma per l’emergenza sfratti serve di più. Così il giudizio dei sindacati inquilini (Sunia-Cgil, Sicet-Cisl e Unione inquilini) sulla riunione in Prefettura, quando sono stati ricevuti (c’era anche Uniat-Uil) dal vice prefetto Adriano Coretti.

Un incontro richiesto da tempo, dedicato al tema degli sfratti e in particolare ad esaminare la situazione venutasi a creare dopo il decreto attuativo sulla morosità incolpevole (nel luglio scorso) in base al quale gli stessi sindacati degli inquilini hanno sollecitato con una lettera, all’inizio di settembre, i Comuni bergamaschi ad alta tensione abitativa – Bergamo, Dalmine, Seriate e Torre Boldone – ad attuare quanto previsto dalla legge 124 in materia di graduazione degli sfratti.

La legge ha previsto misure a sostegno delle politiche abitative tra cui l’istituzione di un Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli, con una dotazione pari a 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015.

A questo scopo il governo ha stanziato 20 milioni per il 2014 e 20 milioni per il 2015. Per la Lombardia il riparto è di 2.787.265,60 euro da suddividersi per il 2014 e il 2015. «Il problema – spiega Fabio Cochis, segretario provinciale dell’Unione inquilini – è che i Comuni ad alta tensione abitativa, a 3 mesi dal decreto sulla morosità incolpevole, che fissa le condizioni per l’accesso al Fondo, non hanno ancora stilato le liste degli aventi diritto».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 26 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA