Barriere architettoniche, quanti ostacoli In città arriva un percorso per «provarle»

Barriere architettoniche, quanti ostacoli
In città arriva un percorso per «provarle»

La13a giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche: appuntamento sabato 3 ottobre sul Sentierone a Bergamo. Un percorso ad ostacoli da superare: tutti possono provarlo con i «ParkourWave».

Anticipando la «Giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche» istituita dal Governo per ogni prima domenica d’ottobre, sabato 3 (dalle 16 alle 18) sul Sentierone, accanto a Palazzo Frizzoni, tra Piazza Matteotti e l’angolo con via Crispi, ci si mette alla prova con un percorso ad ostacoli, per capire «l’effetto che fa» tentare di andare oltre le barriere.

La manifestazione è organizzata dal Comitato provinciale per l’abolizione delle barriere architettoniche in collaborazione col Festival «In Necessità Virtù». Durante il pomeriggio si terrà una dimostrazione del gruppo ParkourWave, che poi darà ai passanti l’opportunità di cimentarsi con il superamento delle barriere.

In TV per dire quello che pensiamo o per fare quello che ci chiedono? Part 2.Se ricordate presso gli studi di #OneTv...

Posted by ParkourWave on Lunedì 28 settembre 2015

ParkourWave nasce a Bergamo nel 2010, da un idea di Federico Gato Mazzoleni e Viviano Gabrieli. La missione di ParkourWave è di trasmettere la disciplina del parkour, l’arte dello spostamento. La sfida è quella di rendedere il parkour accessibile a tutti pur mantenendo intatto lo spirito originario della disciplina. ParkourWave è uno tra i pochi gruppi in Italia che conta istruttori certificati dai fondatori (Adapt) ed è affiliato alla Federazione Internazionale Arti dello Spostamento (Fiadd). ParkourWave diventa una associazione sportiva dilettantistica nel maggio 2012, affiliata all’ente di promozione sportiva nazionale Uisp e iscritta all’albo del Coni.

Il Comitato bergamasco per l’abolizione delle barriere architettoniche è attivo dal 1986 nella formazione e promozione di una cultura dell’accessibilità, ma è anche impegnato a denunciare le illegalità ed i ritardi e a contribuire alla formulazione e all’approvazione di più avanzate normative (il sito web: www.diversabile.it).

«Sicuramente in questi decenni si sono fatti molti passi in avanti per garantire il diritto all’accessibilità per tutti, ma è evidente che ci sono ancora molti problemi da risolvere e ostacoli da superare – spiega Rocco Artifoni, vice-presidente del Comitato – Non basta ricordarsene una volta l’anno, ma almeno una volta all’anno è possibile richiamare tutti alla propria responsabilità perché la libertà delle persone non venga più limitata o negata». Abolizione delle barriere, quindi, non solo fisiche, ma anche mentali, per arrivare ad una vera integrazione di tutti all’interno della nostra società.

A testimonianza della «trasversalità» del problema delle barriere, oggi del Comitato fanno parte una ventina di gruppi e associazioni, della più diversa estrazione: persone con disabilità, giovani e anziani, associazioni di volontariato e gruppi culturali, organizzazioni sindacali e tecnici del settore. Ecco la lista.

ABSMPS Associazione bergamasca per la sclerosi multipla e la paraparesi spastica ONLUS – Bergamo

ADB Associazione disabili bergamaschi – Bergamo

AEPER Associazione Educativa per la Prevenzione e il Reinserimento - Torre de’ Roveri (BG)

ANMIL Associazione nazionale mutilati invalidi per lavoro – Bergamo

AUSER territoriale provinciale di Bergamo

CGIL, CISL e UIL - Bergamo

CISL – Bergamo

UIL - Bergamo

Comitato Come Noi – Treviglio

Cooperativa sociale AEPER – Bergamo

Fondazione Serughetti Centro studi e documentazione La Porta – Bergamo

Infanzia & Città - Bergamo

PHB Polisportiva Bergamasca – Bergamo

UILDM Unione italiana lotta alla distrofia muscolare ONLUS - sezione di Bergamo


© RIPRODUZIONE RISERVATA