Bassa, l’avanzata dei cinesi Bar e negozi: +87% in un anno

Bassa, l’avanzata dei cinesi
Bar e negozi: +87% in un anno

In un anno le attività commerciali cinesi nella Bergamasca sono aumentate del 41,2%, con un boom esplosivo nella Bassa, a +87%. Da Treviglio a Romano, da Palosco a Ciserano e pianura, nel 2013 se ne contavano 46 e un anno dopo erano 86: quasi raddoppiate.

In Valle Cavallina l’impennata è stata dell’80%, ma i numeri sono decisamente inferiori, con 18 attività a fronte delle 10 del 2013. Stacca di molto la Valle Calepio con un +50% (7 nuovi negozi) e Bergamo città con +44,4% (20 nuove attività).

Nell’hinterland invece si è registrato un +16,3% con 20 nuovi negozi, mentre le valli fanno retromarcia, con la Valle Brembana dove la chiusura di due negozi ha fatto segnare un -22,2% e la Valle Seriana, passando da 20 a 18 attività, la presenza di cinesi è calata del 10%.

Questa la fotografia del commercio made in China, fatta da Ascom Bergamo, che fa notare come il primato degli esercizi spetti, nella profonda Bassa, ai bar.


Due pagine su L’Eco di Bergamo in edicola il 19 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA