Venerdì 01 Dicembre 2006

Benemerenze: medaglia d’oro per Facchetti

La Giunta comunale ha reso noti i nomi dei cittadini a cui verranno assegnate le benemerenze civiche per il 2006. Cinque le medaglie d’oro assegnate, tutte alla memoria e destinate a Eliseo Milani, Giacinto Facchetti, Andrea Tosi, Bruno Minetti e Lelio Pagani. Dieci invece gli attestati di civica benemerenza, che saranno ritirati da Demetrio Amaddeo, Luigi Biava, Giacomo Nicolini, Associazione Aiuto Donna, Domenico Lucchetti, Felice Rizzi, Cristina Botta, Elio Corbani, Michele Colledan e Giacomo Agostini.La Giunta ha raccolto le segnalazioni dai cittadini e si è confrontata con i capigruppo consiliari, prima dell’ok definitivo alla lista. La consegna delle medaglie e degli attestati avverrà in una cerimonia sabato 16 dicembre, prima della pausa per le feste natalizie. Medaglie e benemerenze riguardano personaggi della politica, dello sport, della cultura, della medicina, del sociale. Ma non mancano, è il caso di Giacomo Nicolini (il volontario che da solo ha ripulito il viadotto di Porta Garibaldi dalle sterpaglie), semplici cittadini che, armati di buona volontà, hanno fatto grandi cose per Bergamo. Eliseo Milani , tre volte deputato e una senatore, è stato una figura di spicco del mondo politico bergamasco: in prima linea nel Partito comunista fin dal 1945, fu tra i fondatori del quotidiano il Manifesto e divorziò dal partito per entrare nella Sinistra indipendente.Giacinto Facchetti , figura simbolo del calcio italiano e presidente dell’Inter, stroncato qualche mese fa da una malattia, è stato ricordato in occasione della partita amichevole della nazionale italiana a Bergamo.Andrea Tosi , scomparso per un malore improvviso mentre si stava recando in auto a un convegno in Città Alta, lo scorso maggio, è stato uno dei punti di riferimento in materia di urbanistica e architettura. Ordinario di Urbanistica al Politecnico di Milano, consulente di pianificazione territoriale per l’Onu e per il ministero dei Lavori pubblici, Tosi era noto anche per il suo impegno politico giovanile nelle file del Psi.Si è distinto invece nel campo della medicina Bruno Minetti , direttore dell’Unità operativa di Medicina interna 2 degli Ospedali Riuniti, conosciuto non solo per le capacità professionali, ma anche per l’impegno profuso a difesa dei malati e dei loro bisogni. Profondo studioso della storia e del territorio di Bergamo, il professor Lelio Pagani è stato assessore provinciale nella Giunta Cappelluzzo, presidente del Parco dei Colli e infine presidente dell’Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti, collaborando per quasi trent’anni con l’Università di Bergamo.(01/12/2006)

a.campoleoni

© riproduzione riservata