Bergamo è un po’ meno smart Meno 2 posti, male in qualità della vita

Bergamo è un po’ meno smart
Meno 2 posti, male in qualità della vita

I dati di Icity Rate presentati a Bologna: Bergamo passa dalla 16ª alla 18ª posizione. Milano si conferma prima.

Bergamo perde 2 posizioni nella classifica delle città intelligenti presentata giovedì 14 ottobre a Bologna in occasione della Smart City Exhibition 2015. Bergamo passa dalla posizione numero 16 a quella 18. Confermato il terzetto di testa, con Milano davanti a Bologna e Firenze. Invariata anche la posizione 4 che vede Modena, mentre Padova lascia la 5ª dove arriva Venezia. Le posizioni dalla 6 alla 10 vedono nell’ordine Parma, Reggio Emilia, Trento, Padova e Trieste.

Brescia è la prima città lombarda in posizione 12 (un posto in meno), mentre Mantova fa il grande balzo dalla 26ª alla 17ª e scalza Bergamo dal podio lombardo. Ora siamo al quarto posto regionale. Nelle classifiche di dettaglio, siamo al 17° posto per i dati economici (più 3, in testa si conferma Milano), precipitiamo alla voce qualità della vita (living), passando dalla 14ª alla 40ª posizione (in testa ancora Milano), alla voce enviroment (ambiente e dintorni) balziamo di ben 16 posti dalla 49ª alla 33ª posizione (prima si conferma Milano), mentre in quella people passiamo dal 57° al 50° posto (in testa Milano sbalza Ravenna). Alla voce mobility perdiamo una posizione passando dall’8ª alla 9ª (prima Venezia, confermata), in quella relativa alla governance (gestione cosa pubblica) ne guadagniamo invece 4 dalla 21ª alla 17ª (in testa ancora Firenze): chiusura con la voce legality, nuova di zecca, dove siamo al 47° posto e guida Aosta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA