Bergamo in vetrina all’Expo Allestimento curato da Mastrovito

Bergamo in vetrina all’Expo
Allestimento curato da Mastrovito

Duecento metri quadri per raccontare Bergamo e il suo territorio ai visitatori di Expo. In una settimana, dal 25 settembre al 1° ottobre.

L’allestimento della vetrina orobica, sul Cardo nord ovest, a poca distanza dall’ufficio di rappresentanza di Sistema Bergamo, sarà affidato ad Andrea Mastrovito, giovane artista bergamasco dalle quotazioni in crescita, anche oltreoceano. «Abbiamo pensato ad un artista locale, che sapesse parlare del nostro territorio a un pubblico internazionale con un linguaggio contemporaneo» ha spiegato l’assessore alla Cultura del Comune di Bergamo, Nadia Ghisalberti.

Mastrovito ha scelto di lavorare su più fronti, mettendo insieme pittura, video e disegni animati, e favorendo l’interazione dei visitatori. Expo come la Biennale d’arte. Una nuova carta da giocare sul tavolo della promozione territoriale. L’Esposizione milanese sta facendo crescere le presenze turistiche anche nella Bergamasca - hanno detto ieri Paolo Malvestiti, presidente della Camera di Commercio, e il sindaco Giorgio Gori - e ha già dato un risultato importante: favorire la collaborazione tra enti e istituzioni, pubblico e privato, «un lascito prezioso per il futuro».

Rendering delle opere di Mastrovito

Rendering delle opere di Mastrovito

Ad accogliere i visitatori all’ingresso dello spazio espositivo sarà il profilo di Bergamo Alta, con la scritta «Bergamo. Amazement, just steps away from Expo» (Bergamo. Una meraviglia a due passi da Expo). All’interno, il racconto si snoderà in quattro ambienti (Ingresso, Spazio biblioteca, Spazio percorsi e Spazio tavoli). Lo stupore suscitato dalle bellezze artistiche e paesaggistiche, dalla varietà dei cibi, dalla cultura e dalla storia è rappresentanto in un video prodotto dal Centro arti visive dell’Università di Bergamo, che verrà trasmesso nel palinsesto del Padiglione Italia 72 volte al giorno sui monitor del Cardo, di qui al 31 ottobre.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 14 luglio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA