Bologna città più «eco-mobile» d’Italia Bergamo nella top-ten: sesta posizione

Bologna città più «eco-mobile» d’Italia
Bergamo nella top-ten: sesta posizione

Bologna conquista la prima posizione e si aggiudica il titolo di città più «eco-mobile» d'Italia. Vince non solo per una buona dotazione di parcheggi a pagamento e di scambio, per il basso indice di incidentalità sulle strade e la dotazione di corsie ciclabili, ma anche per una elevata domanda soddisfatta dal trasporto pubblico e per il servizio di car sharing, nonchè per le attività del mobility manager di Area.

Sul podio anche quest'anno tutte città del Nord, con il secondo posto a Parma e il terzo a Milano; poco sotto Venezia al quarto posto e Brescia al quinto. Nella «top ten» si confermano anche Bergamo al sesto posto e Firenze al settimo, mentre Roma è soltanto al ventiquattresimo posto. Chiudono la «top ten» Padova all'ottavo posto, Torino al nono e Genova al decimo. In fondo alla classifica della mobilità sostenibile Siracusa, Reggio Calabria e Potenza.

La graduatoria delle città alla ricerca di una mobilità più sostenibile è contenuta nell'ottavo Rapporto «Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città», elaborato da Euromobility con il Patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare. Sempre ricca di indicatori questa ottava edizione che tiene conto delle innovazioni introdotte (car sharing, bike sharing, mobility manager), della presenza di auto di nuova generazione o alimentate a combustibili a più basso impatto (gpl, metano, ibride, elettriche), dell'offerta e dell'uso del trasporto pubblico, delle corsie ciclabili, delle zone a traffico limitato e di quelle pedonali. Ma anche dei dati sui parcheggi di scambio e a pagamento, di quelli sulla sicurezza e sulle flotte di veicoli comunali, nonchè delle iniziative di promozione e comunicazione a favore della mobilità sostenibile. Quest'anno per elaborare la classifica si è anche tenuto conto, oltre che dei valori assoluti degli indicatori, anche dei miglioramenti registrati nell'ultimo anno.

Le 50 città monitorate sono tutti i capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e le città con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti. «Questo ottavo Rapporto - dichiara Lorenzo Bertuccio, direttore scientifico di Euromobility - segnala la progressiva positiva riduzione del tasso di motorizzazione, complice anche la perdurante crisi economica, il continuo aumento dei veicoli a basso impatto come quelli a metano e gpl, ma anche a trazione ibrida ed elettrica, che complessivamente raggiungono l'8% del parco nazionale circolante. Ma occorre spingere di più sul pedale dei servizi innovativi: se il bike sharing vede crescere sia il numero di utenti (di circa il 37%) sia il numero di biciclette (+27% circa), come lo scorso anno, invece, ad un incremento del numero di iscritti al car sharing tradizionale (+7,8%) non corrisponde una analoga crescita delle automobili a disposizione dei cittadini, che invece diminuiscono del 4,5%».

«Dopo 8 anni di studi, intreccio di dati e confronti - sottolinea Roberto Maldacea, neopresidente di Euromobility - si evidenzia sempre più la frattura tra Nord e Sud Italia, con le prime 10 città virtuose tutte al nord e una fotografia triste e impietosa del nostro stivale. Sappiamo bene che questa situazione è in maniera più ampia lo specchio dell'economia, del trasporto ferroviario, autostradale etc., ma l'inquinamento e la salute dei nostri figli non conoscono confini e la concentrazione di tali fenomeni negativi è anche il risultato della riduzione dei servizi di trasporto pubblico. Colpa la crisi, infatti, quasi ovunque in Italia si è registrato un taglio ai servizi di trasporto pubblico offerti ai cittadini. Il 2015 è un anno topico per l'eco mobilità in Italia: anzitutto per riuscire ad invertire la tendenza negativa del sud Italia, ma anche per iniziare a misurare l'indice di sostenibilità di alcune iniziative come il car - bike sharing, per le quali l'Italia in poco tempo si è aggiudicata una pole position addirittura europea. Come raccomandato dalla Comunità Europea, qualsiasi iniziativa sostenibile, quindi anche l'eco mobilità, deve essere oramai orientata e misurata in funzione dei reali benefici che riesce a generare. Euromobility, di concerto con il ministero dell'Ambiente, vuole introdurre innovativi strumenti e piattaforme utili a misurare, con il supporto delle tecnologie digitali, il cambiamento di mobilità dei privati e delle aziende, associandolo soprattutto alle nuove iniziative per poter definire l'indice di sostenibilità dell'eco mobilità in Italia e delle singole iniziative ad essa associate».


© RIPRODUZIONE RISERVATA