Brebemi, un premio a Chicago  «Strada migliore degli ultimi 50 anni»

Brebemi, un premio a Chicago
«Strada migliore degli ultimi 50 anni»

Sabato 4 ottobre, giorno del 50° compleanno dell’autostrada del Sole, il presidente di A35-Brebemi, Francesco Bettoni,viene premiato per la terza volta a livello internazionale, a Chicago, per la prima autostrada italiana, in esercizio, realizzata con intero finanziamento privato.

Dopo i riconoscimenti ricevuti a Londra per il project financing in ambito europeo e continentale, è arrivato il terzo ed importante premio internazionale consegnato a Chicago. Francesco Bettoni, presidente di Brebemi, ha ricevuto il prestigioso «Excellence in Business Award» per il successo ottenuto con lo sviluppo e la costruzione dell’A35 Brebemi, realizzata in totale project financing.

Il premio è stato assegnato dalla Iacc - la Chicago Italian American Chamber of Commerce nella famosa cornice dell’hotel Hilton Chicago, in occasione di una cerimonia a cui hanno partecipato 450 tra le più alte cariche imprenditoriali e istituzionali del Midwest.

Le motivazioni che hanno determinato questo riconoscimento risiedono nel percorso e nella carriera di Francesco Bettoni, un impegno dedicato al miglioramento delle infrastrutture italiane. I suoi sforzi hanno reso accessibili aree poco servite a livello stradale, rendendo imprese e organizzazioni economiche più competitive su un palcoscenico mondiale. In particolare il completamento e all’apertura proprio alla direttissima che collega Brescia, Bergamo e Milano, Brebemi.

Anche oltreoceano è risultata una notizia estremamente positiva l’apertura della A-35 Brebemi, una autostrada che a Chicago è stata definita «la più grande costruzione autostradale italiana degli ultimi 50 anni», oltre ad essere il primo progetto nel suo genere a utilizzare interamente il «project financing», senza contributo pubblico.

L’A35, è poi riuscita a influenzare positivamente la realtà americana per la sua funzionalità e connessione tra le comunità locali della Lombardia attraverso un’infrastruttura moderna capace di ridurre la congestione del traffico nelle aree limitrofe.ber


© RIPRODUZIONE RISERVATA