Venerdì 24 Aprile 2009

Canti e filmati per la festa della Liberazione

Il 25 aprile si celebra il 64° anniversario della Liberazione. In mattinata, in città, si svolgeranno le iniziative celebrative organizzate dal comitato bergamasco antifascista. A Palazzo Frizzoni sarà inaugurata la mostra «Il campo del silenzio, Bergamo 1941-1945» dedicata al campo di concentramento di Grumello del Piano. Infine, domenica 26, ci saranno diverse iniziative organizzate dall'Isrec Bergamo sulle tracce della Resistenza e dal Comitato bergamasco antifascista.
Si inizia alle 8,45 al cimitero civico (campo caduti per la libertà) con la celebrazione della Messa e la deposizione delle corone d'alloro. Alle 9,45 in Rocca omaggio alle lapidi dei Caduti per la libertà, dei Caduti nei campi di concentramento e al monumento ai Caduti della Divisione Legnano e dell'Esercito di liberazione italiano 1943-'45. Alle 10,45 in piazza Vittorio Veneto omaggio alla Torre dei caduti e al monumento al partigiano, con l'intervento delle autorità. Alle 12,15 a Palazzo Frizzoni l'inaugurazione della mostra «Il campo del silenzio» (aperta fino al 4 maggio dalle 8,30 allle 20, domenica chiuso).

Nel pomeriggio alle 14,30 a Lallio la deposizione di corone d'alloro alla stele in memoria dei prigionieri del campo di concentramento di Grumello del Piano. Alle 15,15 al campo Utili di via Baioni deposizione di una corona d'alloro al monumento in ricordo del generale Utili.

I festeggiamenti proseguono anche domenica 26. L'Isrec promuove due percorsi in città sui luoghi dell'occupazione tedesca, della Repubblica sociale italiana e della Resistenza (per Città Alta ritrovo sul piazzale dell'ex convento di Sant'Agostino, visite alle 10 e alle 11, per città bassa ritrovo alla sede Isrec di via Tasso 4 alle 10 e alle 11). Alle 16, nel cortile della sede di via Tasso 4, letture, canti e riflessioni sulla guerra partigiana. Alle 21 all'Auditorium di piazza Libertà proiezione del film «La lunga notte del '43» e del video sul corteo di Forza Nuova del 28 febbraio scorso.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata