Cavalcavia? Più ripido della Roncola Pendenza all’8%: non tutti ce la fanno

Cavalcavia? Più ripido della Roncola
Pendenza all’8%: non tutti ce la fanno

Un cavalcavia ha la pendenza della salita di Roncola: l’8% misurata con navigatore gps, meno ripidi gli altri (pendenza minima comunque del 4%).

Tutti sono un ostacolo impegnativo per chi pedala. Queste le conclusioni del tour di prova dei nuovi cavalcavia costruiti in pianura per scavalcare l’autostrada Brebemi-A35 e la linea ferroviaria Tav.

Un vero e proprio test che il gruppo di ciclisti amatori «Gero-Bike» della Geromina (frazione di Treviglio) ha voluto fare domenica, a pochi giorni dall’apertura del cavalcavia fra Caravaggio-Treviglio che ha un’altezza dichiarata di circa 14 metri (il navigatore però ne ha indicati 12).

Nei paesi della pianura ci sono anche diversi nuovi sottopassi: questo di Vidalengo è per Brebemi e Tav

Nei paesi della pianura ci sono anche diversi nuovi sottopassi: questo di Vidalengo è per Brebemi e Tav

Su questo manufatto - attrezzato con pista ciclabile ma non ancora aperta - non sono mancate polemiche proprio perché ritenuto troppo ripido per un normale ciclista. Difficoltà che Claudio Ornaghi, referente del gruppo «Gero-Bike», conferma.

«Per noi ciclisti amatori - dice - abituati a uscire in bicicletta due volte a settimana, è abbastanza semplice da superare. Il discorso cambia, invece, se ad affrontarlo sono, ad esempio, delle persone di una certa età con una bici normale, quindi più pesante di una bicicletta da corsa e senza neppure i cambi. Credo che non possa fare altro che scendere e camminare».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 29 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA