Coniugi uccisi a Brescia, via al processo Il locale di Frank riaperto dal figlio

Coniugi uccisi a Brescia, via al processo
Il locale di Frank riaperto dal figlio

Abitavano a Casazza, in provincia di Bergamo, i due imputati accusati di essere gli assassini dei coniugi Seramondi, ammazzati nella loro pizzeria a Brescia lo scorso 11 agosto.

Si tratta del pakistano Adnan e dell’indiano Singh oltre ad altri tre soggetti che avrebbe partecipato all’organizzazione dell’omicidio e fornito le armi. Il giudice del tribunale di Brescia ha deciso di riunificare tutto il procedimento coinvolgendo in un solo processo tutti i responsabili a vario titolo del duplice omicidio. La prima udienza è stata fissata il prossimo 13 maggio. Nel frattempo è stato riaperto ufficialmente il bar gestito dai due coniugi uccisi. Dietro il bancone il figlio Marco: «Ho deciso di riaprire per loro. Voglio guardare negli occhi chi li ha uccisi» ha detto mentre serviva i primi clienti che, già in serata, hanno cominciato a tornare nel locale aperto tutta la notte. Alle sue spalle una scritta: «Nonostante tutto Frank vive».

© RIPRODUZIONE RISERVATA