Contadino ferito: il 34enne di Scanzo finisce agli arresti domiciliari per lesioni

Contadino ferito: il 34enne di Scanzo
finisce agli arresti domiciliari per lesioni

È agli arresti domiciliari il 34enne di Scanzorosciate autore mercoledì sera 1° luglio di una scorribanda senza senso armato di pistola: ha esploso colpi dall’auto sul ponte di Gorle e poco dopo ha sparato a un vicino di casa, ferendolo a una coscia.

Il gip ha convalidato l’arresto alleggerendo sia la misura cautelare, sia le accuse: non più duplice tentato omicidio, ma minacce aggravate (per gli spari sul ponte) e lesioni aggravate per il ferimento dell’agricoltore (ha puntato l’arma verso parti non vitali).

Nell’interrogatorio il 34enne - probabilmente in stato di ebbrezza - ha affermato di non ricordare nulla dell’episodio degli spari sul ponte di Gorle (aveva inchiodato e un’auto stava per tampolarlo, così si è infuriato), mentre ha sottolineato che non aveva assolutamente l’intenzione di uccidere il vicino, voleva soltanto intimorirlo. L’auto del 34enne si sarebbe fermata per un guasto mentre passava sui prati del contadino, ma non si è ancora capito bene il motivo del ferimento.

La Panda Nera del 34enne ferma nel prato

La Panda Nera del 34enne ferma nel prato
(Foto by Yuri Colleoni)


© RIPRODUZIONE RISERVATA