Studenti (pochi) in piazza Traffico rallentato in centro

Studenti (pochi) in piazza
Traffico rallentato in centro

Gli studenti protestano contro piano scuola Renzi-Giannini, diritto allo studio e costi della scuola, dote scuola, privatizzazione dell’istruzione, Jobs act e precarietà, più partecipazione degli nel dibattito della scuola.

Alle 9,45 gli studenti bergamaschi sono scesi in piazza per manifestare contro il governo Renzi e le sue politiche sulla scuola pubblica. L’appuntamento è come sempre in piazzale Marconi, da dove è partito il corteo.

Il corteo degli studenti si è sviluppato lungo viale Papa Giovanni XXIII, via Angelo Maj, via Taramelli, via Camozzi, Porta Nuova e ancora viale Papa Giovanni XXIII. Al termine del corteo, dibattito sul piazzale degli Alpini.

La manifestazione in Porta Nuova

La manifestazione in Porta Nuova
(Foto by Foto Bedolis)

Si temevano forti disagi per il traffico, ma tutto si è risolto con qualche incolonnament o e traffico rallentato in centro, considerando anche l’esiguo numero degli studenti, poco meno di 150.

L’autobus in panne in viale Papa Giovanni XXIII

L’autobus in panne in viale Papa Giovanni XXIII

Nel frattempo, poco prima delle 9 qualche problemino per il traffico lungo il viale c’è stato, ma a causa di un autobus finito in panne: per rimuoverlo è dovuto intervenire uno speciale carro attrezzi, e il traffico ha subito diversi rallentamenti in direzione stazione.

Il traffico bloccato per le operazioni di rimozione

Il traffico bloccato per le operazioni di rimozione

A nemmeno un mese dal via dell’anno scolastico, gli studenti sono così tornati in piazza a Bergamo è in molte città italiane. Nel mirino c’è il piano scuola Renzi-Giannini, con particolare attenzione al diritto allo studio e ai costi della scuola, alla dote scuola, alla privatizzazione dell’istruzione, al Jobs act e precarietà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA