Dalle guerre  al quartiere Carnovali I profughi puliscono aiuole e strade

Dalle guerre al quartiere Carnovali
I profughi puliscono aiuole e strade

Ridono e sorridono a ogni domanda. Ma dietro a quei denti bianchi e ai pochi silenzi, si nasconde tanto dolore. Dolore di aver lasciato la famiglia lontana, di aver attraversato prima il deserto e poi il mare, restando giorni e giorni senza acqua e cibo.

Tutto colpa della «guerre», come dicono questi ragazzi in francese. La guerra che per alcuni ha significato perdere i genitori, per altri vedere distrutta la casa e tutto ciò che avevano. Per tutti ha voluto dire scappare lasciandosi dietro le proprie origini, per affrontare un viaggio, senza sapere se poi alla meta ci sarebbero mai arrivati sani e salvi. Ora sono ricordi, difficili da scacciare, mentre cercano di trovare la propria strada verso il futuro. C’è chi vuole diventare calciatore, chi cuoco, chi ancora elettricista e chi trasportatore.

Sogni più o meno realizzabili, lo dirà solo il tempo, intanto un punto di partenza: il volontariato per la città, in particolare per il quartiere Carnovali. I quattro ragazzi, seguiti dalla Cooperativa Ruah all’interno del progetto Profughi della Caritas, tre giorni alla settimana indossano la «divisa» (tute e scarpe antinfortunistiche fornite dal Comune) e ripuliscono e tengono pulite le strade, come altri ragazzi provenienti da Pakistan, Mali, Gambia e Guinea che si occupano di altre zone della città.

«È un’occasione importante per loro - spiega Roberto Zanotti, operatore della cooperativa Ruah - perché in questo modo, oltre alle lezioni di italiano che seguono, hanno modo di imparare a conoscere la città e gli abitanti. Oltre a essere una forma di restituzione per il territorio che li accoglie».

I quattro ragazzi, tutti con permesso di soggiorno richiedenti asilo, sono originari del Mali. Una terra che hanno dovuto lasciare controvoglia, in cerca di salvezza.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola sabato 9 maggio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA