Dehors a Bergamo: meno burocrazia Procedure più semplici, tempi più brevi

Dehors a Bergamo: meno burocrazia
Procedure più semplici, tempi più brevi

A Bergamo diventa più facile realizzare dehors: la giunta del Comune ha approvato la modifica al regolamento per l’occupazione del suolo pubblico degli spazi esterni degli esercizi commerciali.

Un provvedimento che ne snellisce notevolmente le procedure per l’autorizzazione e la realizzazione. Un documento che va nella direzione indicata del progetto del sindaco Gori «Bergamo città semplice e low tax» che stabilisce la revisione di una serie di regolamenti comunali con l’obiettivo di semplificare il più possibile le procedure alle imprese cittadine.

Tante le novità previste dalla revisione, dalla presentazione di due sole copie del progetto (contro le sette attualmente previst e) all’eliminazione dell’obbligo di presentazione di una lunga serie di documenti non strettamente connessi al progetto, dall’istituzione della figura del tutor comunale per la stesura e presentazione del progetto alla semplificazione della procedura per i progetti in zone di pregio.

Tra le più significative vi è anche l’aumento della durata della concessione: si passa da tre a nove anni, in modo da garantire l’ammortamento dell’investimento da parte degli esercenti.

Molte infine le misure previste per lo snellimento della procedura di presentazione da parte degli esercenti e di rilascio della concessione da parte del Comune: sono previsti iter più brevi per coloro che sceglieranno di utilizzare lo sportello online comunale per la presentazione delle domande e, qualora si rendano necessari pareri della Soprintendenza per la realizzazione del dehors, saranno gli stessi uffici comunali ad occuparsi della trasmissione dei progetti.

Il Comune prevede infine la distinzione tra pratiche semplici (la sola collocazione in esterno di tavoli e sedie) e complesse (la collocazione di arredi e strutture, ma anche i soli tavoli e sedie in ambiti vincolati). La delibera passerà ora al vaglio del Consiglio Comunale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA