Mercoledì 19 Settembre 2007

Distrugge mezza caserma Feriti 4 carabinieri e un passante

Quando si è sentito rispondere dal piantone della caserma dei carabinieri di Verdello che il comandante non c’era, ha cominciato a dare in escandescenze: ha staccato e distrutto i quadri, ha divelto una porta, ha afferrato mobili e sedie della sala d’attesa e li ha lanciati in strada. Così facendo ha anche colpito un ignaro motociclista di Villa d’Adda che proprio in quel momento stava transitando sulla carreggiata, facendolo volare a terra. Il bilancio di questa mattinata di follia è di cinque feriti, tutti fortunatamente lievi.Oltre al motociclista sono infatti dovuti ricorrere al pronto soccorso quattro carabinieri, intervenuti per bloccare l’uomo, un robuto immigrato nigeriano di 28 anni, senza fissa dimora e senza documenti. Quando l’extracomunitario ha cominciato a rompere tutto, poco prima delle 9 di questa mattima, il piantone della caserma si è barricato all’interno e ha dato l’allarme. Sono accorse le pattuglie dei militari di Osio e del Radiomobile di Treviglio che con fatica sono riusciti a fermare l’uomo, che si era trasformato in una furia scatenata. Ammanettato con l’accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, oltre che di danneggiamento aggravato, l’immigrato è stato trasferito in carcere: anche all’arrivo nella casa circondariale ha creato problemi una volta tolte le manette. Secondo quanto è stato possibile capire, il 28enne nigeriano si era presentato ai carabinieri per protestare perché sosteneva che i suoi guai con la giustizia italiana erano iniziati proprio per colpa dei militari di Verdello che nel 2004 lo avevano arrestato la prima volta proprio con l’accusa di resistenza.(19/09/2007)

r.clemente

© riproduzione riservata