Dopo la Teem, le bretelle nella Bassa Ora la A35 Brebemi è ben collegata

Dopo la Teem, le bretelle nella Bassa
Ora la A35 Brebemi è ben collegata

È stata inaugurata giovedì 11 giugno, la bretella stradale tra Camisano (Cr) e Romano di Lombardia, che collega direttamente l’area del Cremasco con la nuova autostrada A35 Brebemi, e in contemporanea è stata aperta la bretella tra Morengo e Bariano in provincia di Bergamo.

Presenti il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, il presidente di A35 Brebemi Francesco Bettoni e l’amministratore delegato di A35 Brebemi Claudio Vezzosi. I collegamenti stradali sono stati realizzati nell’ambito della modernizzazione della viabilità del territorio interessato dall’infrastruttura autostradale migliorando ulteriormente la connessione tra le aree del Cremasco e del bergamasco con Brescia e Milano. ll costo totale per la realizzazione delle due bretelle stradali, inaugurate e aperte al traffico, è di 44 milioni di euro.

Primo viaggio sulla nuova bretella a Isso

Primo viaggio sulla nuova bretella a Isso
(Foto by Luca Cesni)

L’apertura della bretella a Isso

L’apertura della bretella a Isso
(Foto by Luca Cesni)

L’opera di interconnessione tra Camisano-Ricengo e Romano di Lombardia ha il suo caposaldo iniziale nell’area della strada statale 11 nel comune di Isso in prossimità del casello dell’Autostrada A35 Brebemi di Romano di Lombardia. La bretella si sviluppa verso sud per un tratto di circa 8.140 metri, fino a raggiungere la rotatoria posta sulla ss 64, tra Pandino (Cr) e Orzinuovi (Bs), nel Comune di Ricengo (Cr).

L’inaugurazione della bretella a Isso

L’inaugurazione della bretella a Isso
(Foto by Luca Cesni)

La bretella che collega Bariano a Morengo ha invece il caposaldo iniziale in corrispondenza della rotatoria posta sull’intersezione con la SP129, al confine tra i comuni di Pagazzano e Morengo e si sviluppa verso sud interamente in Provincia di Bergamo per un tratto di circa 2,2 km, fino a raggiungere la rotatoria posta sulla SP 130 di accesso al casello autostradale della A35 di Bariano. Nell’ambito di entrambi i progetti sono state inoltre realizzate ulteriori opere compensative quali riqualificazioni di strade comunali esistenti, nuovi collegamenti stradali, rotatorie, sottopassi e piste ciclopedonali.

Roberto Maroni, governatore della Lombardia, a Isso

Roberto Maroni, governatore della Lombardia, a Isso
(Foto by Luca Cesni)

Con queste aperture, unite alla recente inaugurazione dell’intera tratta della A58 Teem (Tangenziale Est Esterna di Milano), si completa un ulteriore tassello del progetto di riassetto della viabilità della Regione Lombardia, concepita e realizzata nell’ambito del progetto Brebemi. Un ulteriore passo in avanti nei collegamenti tra A35 Brebemi e il territorio sarà assicurato dalla prossima apertura del nuovo raccordo «Mandolossa», completamente riqualificato, che favorirà i collegamenti con le Valli Bresciane. Si rimane ancora in attesa che vengano sbloccati i collegamenti diretti con Brescia Est e con la A21 tramite il completamento del raccordo autostradale A21, la cosiddetta Corda Molle.

«Dopo la recente apertura di A58 Teem, che ha consentito l’ingresso di A35 Brebemi nel sistema autostradale nazionale con un incremento dei transiti superiore al 35% - ha affermato Vezzosi - prosegue l’opera di completamento dei collegamenti dell’infrastruttura con il territorio attraversato, quali le nuove opere inaugurate nella giornata odierna, che comporteranno anche un ulteriore miglioramento della viabilità nelle aree del Cremasco e Bergamasco»-.

«Brebemi - ha sottolineato Bettoni -, un’opera che si ripagherà attraverso i pedaggi autostradali, ha realizzato in questi anni opere di compensazione importanti come bretelle stradali, le riqualificazioni totali di Rivoltana e Cassanese, alcune tangenziali locali, sottopassi, viadotti, piste ciclopedonali e tanto altro già consegnato alle Province e ai numerosi Comuni attraversati. Sono opere che già nel periodo di Expo 2015 hanno migliorato enormemente la qualità della vita degli abitanti dei nostri territori, che hanno ridotto l’inquinamento e aumentato la competitività del sistema delle Pmi dell’area».

«Siamo qui - ha spiegato Maroni - per continuare l’opera di infrastrutturazione in Lombardia, opera iniziata con la Brebemi, la tratta A della Pedemontana, le tangenziali di Varese e Como, la Teem e che continueremo, a novembre, con la tratta B1 della Pedemontana, che completeremo tutta. Uno alla volta risolviamo tutti i problemi delle infrastrutture. Vogliamo collegare meglio la Brebemi con gli svincoli, per collegarla direttamente alla Milano-Venezia e mi pare che stiamo procedendo come da cronoprogramma nella realizzazione delle opere, coinvolgendo i privati e i territori».

«Abbiamo ereditato le province di Bergamo e Cremona in serie B, oggi le abbiamo riportate in serie A». Ha usato una metafora calcistica l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte. «Con i 35.000 viaggiatori sulla Brebemi - ha continuato Sorte - abbiamo vinto lo scudetto e con la conclusione della Pedemontana vinceremo la Champions. La Lombardia crede nelle infrastrutture, perché abbiamo visto che, a ogni collegamento che parte, c’è un incremento significativo di traffico. Da oggi basterà mezz’ora per spostarsi fra Crema e Milano, con un notevole risparmio di tempo, soldi e fatica». «Crediamo nella Brebemi e nelle infrastrutture - ha concluso Sorte - e ne faremo altre, perché i nostri cittadini devono essere liberi di muoversi. Siamo la regione con più infrastrutture in Italia e la Regione meglio governata».


© RIPRODUZIONE RISERVATA