Forestale addio, sarà accorpata Gli agenti: «No alla militarizzazione»

Forestale addio, sarà accorpata
Gli agenti: «No alla militarizzazione»

Il Corpo Forestale dello Stato sparirà e sarà assorbito da un’altra forza di polizia, così come le Capitanerie di porto passeranno sotto il comando del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare.

Lo stabilisce l’articolo 7 del ddl Madia sulla riforma della pubblica amministrazione, approvato alla Camera e che ora tornerà al Senato per l’approvazione definitiva.

Nell’articolo è previsto il «riordino delle funzioni di polizia di tutela dell’ambiente, del territorio e del mare, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare, conseguente alla riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato ed eventuale assorbimento del medesimo in altra forza di polizia, ferme restando la

garanzia degli attuali livelli di presidio dell’ambiente, del territorio e del mare e della sicurezza agroalimentare e la salvaguardia delle professionalità esistenti».

«Non siamo militari, non abbiamo questa mentalità – spiega l’ex comandante provinciale della Forestale, Rinaldo Mangili, da poco in pensione – mi rendo conto che per il Paese è necessario risparmiare ma il Governo deve tenere conto della nostra storia lunga 193 anni e della professionalità che abbiamo accumulato. Non vogliamo che la nostra esperienza venga dispersa».

La Forestale a Bergamo conta 51 agenti sul territorio, 15 in sala operativa a Curno e dieci sedi sparse su tutto il territorio.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 16 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA