GourmArte: tre giorni per i golosi E in Fiera si raddoppia con Baf

GourmArte: tre giorni per i golosi
E in Fiera si raddoppia con Baf

Da sabato 29 novembre a lunedì 1° dicembre torna in scena a Bergamo l’appuntamento con GourmArte, la fiera delle eccellenze enogastronomiche della Lombardia.

Tre giorni in cui Custodi, Maestri, Esploratori e Interpreti del Gusto allieteranno i palati di migliaia di golosi e appassionati. In degustazione libera per tutti i visitatori, infatti, ci saranno i 100 prodotti migliori dell’enogastronomia lombarda, accuratamente selezionati da una commissione di esperti, guidata dal giornalista enogastronomico Elio Ghisalberti.

Ancora una volta, quindi, GourmArte si conferma uno straordinario contenitore di storie di eccellenza. Per esempio, quella del Moscato di Scanzo di Biava, preziosissimo vino passito, ottenuto dall’omonimo vitigno, conosciuto come rarità fin dal 1300. O quella Indie Ale del Birrificio Indipendente Elav, vincitrice di diversi prestigiosi riconoscimenti in Italia e all’estero.O ancora quella della brisaola «sublime» di Ma! Officina Gastronomica di Madesimo, sottoposta a una stagionatura naturale per 90 giorni, e da degustare «Santa», come vuole la tradizione.

Accanto all’area espositiva, nel ristorante di GourmArte, 24 tra i più noti chef lombardi e sardi si alterneranno con i loro migliori piatti per un’esperienza sensoriale unica e irripetibile. Tantissimi i nomi celebri, tra cui spiccano quello di Fabio Abbattista del Leone Felice de L’Albereta Relais & Cahteaux; quello del sardo Sergio Mei, alla guida del ristorante del Four Seasons di Milano; quello di Marco Sacco, chef del Piccolo Lago di Verbania, e presidente della Chic-Charming Italian Chef, che quest’anno figura tra i partner di GourmArte.

In abbinamento ai piatti che hanno reso celebri questi cuochi in Italia e all’estero, e con il supporto dei sommelier Ais Lombardia incaricati della mescita, gli ospiti del ristorante di GourmArte potranno gustare un’accurata selezione di vini della Valtellina con le tipologie Rosso di Valtellina, Valtellina Superiore e Sforzato di Valtellina, e Franciacorta Docg con le tipologie Brut, Satèn e Rosé.

La scorsa edizione di Gourmarte

La scorsa edizione di Gourmarte

Sempre più fitti e prestigiosi anche gli appuntamenti in calendario: dalla cerimonia di assegnazione del Premio Veronelli, prevista per sabato 29 (data esatta, a dieci anni di distanza, della dipartita di Veronelli, e quindi di particolare valore simbolico), alla presentazione, domenica 30, di «Gluten free d’autore», del nuovo libro di Monica Ranzi, griffato da 12 stelle della cucina e pensato per i celiaci, alla mostra fotografica «l’alt(r)a cucina» di Stefano Borghesi.

Infine, a sancire l’eccezionalità di questa terza edizione in vista di Expo 2015, la visita di una delegazione di 20 buyer stranieri (provenienti da Cina, Brasile, Russia e Stati Uniti), che incontrerà gli espositori e operatori di settore. Un’occasione di visibilità e di business davvero preziosa per tutti i produttori presenti a GourmArte, che avranno la possibilità di portare sulla scena internazionale il loro inestimabile patrimonio di saperi e competenze, e di raccontare il legame straordinario che lega gli imprenditori lombardi alle loro terre.

L’iniziativa si colloca all’interno del progetto «Road to Expo 2015», che mira a promuovere l’eccellenza italiana nel contesto di preparazione all’esposizione universale. L’obiettivo dei numerosi appuntamenti in programma, organizzati da Ice Agenzia e Aefi (Associazione Esposizioni e Fiere Italiane), è quello di favorire l’incoming di stampa, buyer e altri operatori specializzati in occasione nelle principali manifestazioni fieristiche nazionali e internazionali del settore agro-alimentare.

Orari: sabato 29 e domenica 30 novembre ore 10-22. Lunedì 1° dicembre 10-18.

Da sabato 29 novembre a lunedì 1° dicembre alla Fiera di Bergamo torna anche l’importante appuntamento con l’arte moderna e contemporanea. Charles Baudelaire la definiva «intimità, spiritualità, colore, aspirazione verso l’infinito, espressi con tutti i mezzi presenti nelle arti». Parliamo dell’11ª edizione di Bergamo Arte Fiera (Baf).

La brillante e raffinata mostra mercato firmata Promoberg si posiziona stabilmente con pieno merito tra le manifestazioni regine in Italia, e si consolida quale evento di riferimento per tutto il Nord Italia. Merito delle tante opere d’arte di alta qualità esposte al polo fieristico di via Lunga da una novantina di Galleristi di altissimo profilo, provenienti da tutta Italia e in parte anche dall’estero. La rassegna ha tra i suoi meriti maggiori quello di riuscire a coinvolgere un numero sempre più significativo di collezionisti, curatori di istituzioni alla ricerca di nuove tendenze a livello internazionale, e neofiti del settore. Sui 6.500 metri quadrati dedicati all’evento, anche tredici firme dell’editoria specializzata e i tradizionali eventi collaterali che contraddistinguono Baf.

Appuntamenti artistici, culturali, storici e di approfondimento, molto graditi dal pubblico. Quest’anno riflettori puntati sulla mostra dedicata a Giuseppe Milesi, in vista del centenario della nascita (San Giovanni Bianco, Bergamo 1915 - Roma 2001), con il prezioso contributo della Fondazione Credito Bergamasco. Con la collaborazione di Casaperlarte fondazione Paolo Minoli di Cantù, a Baf un progetto voluto da Paolo Minoli nel 2004 che ha coinvolto una schiera di artisti attivi in Europa e in America. Grande interesse anche per alcune opere - che hanno fatto parte dell’antologica seriatese «La libertà di essere un filo» - di Giovanna Bolognini, artista bergamasca nata a Volpera di Mapello. Infine, non mancherà di stupire l’installazione hi-tech presentata da Aidan, artista bresciana «multimediale».

Orari: sabato 29 e domenica 30 novembre ore 10–20. Lunedì 1 dicembre 10-13. Per maggiori informazioni sulle due fiere ci si può collegare al sito internet di Promoberg


© RIPRODUZIONE RISERVATA