Due guasti mandano i treni in tilt Lunedì nero: ritardi fino a 120 minuti

Due guasti mandano i treni in tilt
Lunedì nero: ritardi fino a 120 minuti

Dopo il guasto a Milano Centrale risolto verso le 17, segnalato un guasto a Greco Pirelli. I tecnici di Rfi sono al lavoro, restano i maxi ritardi.

Traffico in progressiva ripresa alla stazione di Milano Centrale, dove si registrano disagi dalle 15,15 del 26 gennaio per un guasto agli impianti ferroviari. Ma nel frattempo si è verificato un altro guasto, agli impianti di Milano Greco Pirelli.

Sul profilo Twitter di Trenord poco prima delle 20 è stato pubblicato l’avviso di ulteriori ritardi: dai 60 minuti stimati all’inizio, si sale a 120.

«Dalle 17,50 – si legge in una nota delle Ferrovie – la circolazione ferroviaria delle linee Bergamo - Lecco (via Carnate), Milano - Chiasso, Milano - Lecco e S9 (Albairate – Seregno) è fortemente rallentata, per un problema tecnico nella stazione Milano Greco Pirelli, in corso di accertamento. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ripristinare il regolare traffico ferroviario. I treni regionali provenienti da Lecco/Bergamo e Chiasso sono attestati nelle stazioni di Monza e Sesto San Giovanni; quelli della linea S9 sono attestati a Milano Rogoredo, dove i passeggeri possono utilizzare la linea metropolitana cittadina.

Scatto inviato da una lettrice

Scatto inviato da una lettrice
(Foto by Tiziana Lissoni)

Il pomeriggio di disagi era iniziato poco dopo le 15, quando le Fs avevano annunciato un guasto agli impianti di Milano Centrale, parlando di «traffico sospeso» sul sito e su Twitter e poi di «traffico rallentato» in un successivo aggiornamento.

Uno scatto delle 19,39

Uno scatto delle 19,39
(Foto by Luca Dissegna)

Ecco il primo tweet della pagina di Fsnews con l’avviso della sospensione del traffico.

Aggiornamenti anche sulla pagina Twitter dei pendolari bergamaschi .

Sulla tratta interessata ogni giorno passano moltissimi bergamaschi: se siete in viaggio, raccontateci quello che sta succedendo scrivendo un’email alla redazione web.


© RIPRODUZIONE RISERVATA