Martedì 04 Marzo 2014

I benzinai a marchio Eni/Agip

restano chiusi il 5 e il 6 marzo

Un benzinaio incrocia le braccia davanti alle pompe di benzina in una foto d'archivio.

Dalle 19 di stasera, 4 marzo, scatta lo stop dei benzinai a marchio Eni/Agip, senza escludere ulteriori iniziative di protesta. I gestori chiuderanno i loro impianti il 5 ed il 6 marzo (si riaprirà venerdì mattina dalle 7), nel rispetto del codice di regolamentazione imposto dalla Commissione di garanzia, a seguito dello stallo della trattativa tra la compagnia petrolifera e le organizzazioni di categoria per il rinnovo dell’accordo collettivo, scaduto da oltre due anni.

Anche il Gruppo Gestori di Carburanti Figisc- Ascom di Bergamo partecipa all’iniziativa nazionale, imperniata su rivendicazioni fondamentali, a partire dalla tutela dei diritti della categoria, contro la cancellazione della contrattazione collettiva portata avanti dalla compagnia petrolifera:.

«Siamo costretti a prendere atto dell’incomprensibile atteggiamento di chiusura improvvisamente manifestato da Eni a pochissimi passi dalla conclusione del lungo negoziato. Interrompere le trattative, ad intesa pressoché raggiunta, è una responsabilità grave che si assume Eni in un contesto letteralmente drammatico per le piccole imprese di gestione», sottolinea Giuseppe Milazzo, presidente del Gruppo Distributori Carburanti Ascom.

© riproduzione riservata