Giovedì 09 Aprile 2009

I mezzi della Vitali Spa
al lavoro fra le macerie

La Vitali Spa, impresa di Cisano specializzata nelle Demolizioni Speciali ha inviato in Abruzzo subito dopo le prime scosse del sisma due convogli di mezzi e uomini, mettendoli a disposizione dei soccorsi. Sono stati inviati escavatori cingolati da 200 quintali dotati di frantumatore, pinza selezionatrice e frantumatore girevole, miniescavatori e minipale, che servono per rimuovere i detriti dei crolli anche di grosse dimensioni.

Un contributo importante a supporto delle popolazioni che si trovano ancora in uno stato di grave emergenza. Vitali sta, in questi giorni, dando il suo contributo in particolare tra le macerie della “Casa dello Studente” e nelle zone circostanti gravemente colpite. Ieri si è recato sui luoghi colpiti dal terremoto anche l’amministratore della Società, Massimo Vitali, per dare il proprio sostegno agli uomini impegnati nelle operazioni.

Il responsabile della Vitali Alessandro Cortinovis spiega. «Un escavatore dotato di pinza idraulica è utilizzato per rimuovere travi e parti pericolanti che possono costituire ancora un pericolo; un altro escavatore munito di benna ha il compito di rimuovere delicatamente le macerie ed un mini escavatore è adibito ad interventi che richiedono maggior cura nella rimozione di solette e sgombero degli interrati nella speranza di estrarre vivo ancora qualcuno. Sono una decina, purtroppo, i corpi recuperati senza vita sotto le macerie. I soccorritori sono impegnati giorno e notte secondo precisi turni e si riposano per alcune ore nelle auto e nei furgoni.

La Vitali non è nuova a interventi che la vedono impegnata fianco a fianco ai soccorritori della protezione civile. Era già accaduto in occasione del terremoto in Friuli a metà degli anni settanta e in seguito all’alluvione che nell’estate dell’ 87 colpì le zone della Valtellina.

e.roncalli

© riproduzione riservata