I vecchi cinema che restano in vendita Nell’ex Apollo 46 autorimesse private

I vecchi cinema che restano in vendita
Nell’ex Apollo 46 autorimesse private

Era l’ultimo di una vecchia generazioni di cinematografi. Dalla fine di giugno 2011 è chiuso il cinema Alba Blob House di Valtesse. Il vasto edificio è in vendita.

Insieme al Nuovo, in pieno centro, largo Belotti, chiuso dall’estate 2005, è il secondo grande spazio vuoto in cerca di nuova destinazione. Un terzo cinematografo, anche questo chiuso nel 2005, l’Apollo di via Piccinini, è già stato riconvertito. Si stanno infatti concludendo i lavori che hanno portato alla realizzazione di 46 autorimesse private, alcune doppie o triple, che possono contenere una sessantina di autovetture.

«Gli imbianchini stanno facendo le ultime rifiniture - afferma Ettore Farina a nome della società che ha compiuto l’intervento, la Spazio Duse - ma una parte dei box sono già in funzione. Sono tutti venduti, praticamente. Gli acquirenti sono residenti nella zona in vecchi palazzi costruiti senza garage, oppure titolari di studi professionali o di esercizi commerciali della zona».

L’area dell’ex cinema Apollo: create 46 autorimesse private

L’area dell’ex cinema Apollo: create 46 autorimesse private
(Foto by Beppe Bedolis)

Il Nuovo oggi è di proprietà della Teatro Nuovo Srl. Giorgio Nosari, uno dei soci, afferma: «Spiace anche a noi vedere uno spazio così , nel centro città, chiuso e inutilizzato. Stiamo lavorando per trovare una soluzione. Mentre il foyer è già utilizzabile per il settore terziario, per quanto riguarda il salone del cinema la superficie attuale sarebbe utilizzabile solo per spettacoli e intrattenimenti».

Per quanto riguarda l’ex cinema Alba di via Biava, Paolo Bertacchi, della famiglia proprietaria dell’immobile, afferma:«Vi era un preciso progetto finalizzato a trasformare l’area in edificio residenziale-uffici, ma purtroppo vicissitudini della parte acquirente e promotrice dell’iniziativa immobiliare hanno di fatto bloccato il progetto. Adesso l’area è in vendita e la superficie edificabile è intorno ai 900-1.000 metri quadri, oltre all’eventuale interrato».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 09/11/2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA