Mercoledì 10 Febbraio 2010

Il giovedi tra le 10 e le 11
la multa è dietro l'angolo

A Bergamo è più facile prendere una multa il giovedì mattina dalle 10 alle 11, in particolare nel mese di marzo. Detta così sembra l'improbabile risultato di qualche calcolo astrologico, invece è un'analisi dei dati sulle sanzioni comminate nel 2009 dalla polizia locale in città.

Numeri che mettono in evidenza le abitudini di guida dei bergamaschi e il lavoro delle forze dell'ordine per garantire la sicurezza sulle strade. Passando sotto la lente le oltre 110.000 multe staccate l'anno scorso dagli agenti del comando di via Coghetti e dei suoi distaccamenti nelle circoscrizioni, si notano differenze notevoli a seconda delle fasce orarie, del giorno e del periodo dell'anno.

La fascia tra le 8 e mezzogiorno è la più «bersagliata»: le multe iniziano ad aumentare tra le 8 e le 9 (oltre 2.500 sanzioni), salendo a 12.600 nell'ora successiva e toccando il picco massimo tra le 10 e le 11, fascia in cui nel 2009 in vigili hanno rilevato oltre 19.000 infrazioni. Quindi le multe scendono di nuovo a 12.000 tra le 11 e mezzogiorno, diminuendo ancora nelle due ore successive.

Ma poi si ricomincia con oltre 10.000 multe tra le 14 e le 15, poi una lieve flessione fino alle 16 (9.000 sanzioni) e un nuovo balzo verso l'alto fino alle 18, ora in cui le multe superano quota 10.000. Si scende poi in picchiata fino alle 21 (poco più di 800 multe) per risalire alle 4.800 multe della fascia tra le 22 e le 23. Negli orari notturni, tra le 2 e le 5, poco o nulla.

Se si prendono in considerazione i giorni della settimana, è il giovedì il momento più «nero»: nel 2009 sono state infatti più di 20.500 le multe staccate in questo giorno. Di poco inferiori le sanzioni inflitte il mercoledì e il venerdì (poco meno di 20.000) e il martedì (circa 19.000). Si scende ulteriormente il lunedì e il sabato, giorni in cui le multe sono state rispettivamente 16.000 e 14.000, e la domenica, giornata in cui le multe hanno raggiunto il picco minimo di 4.500 multe.

Per saperne di più leggi L'Eco in edicola oggi

a.ceresoli

© riproduzione riservata