Il mercato della cascina Carlinga sfida i grandi centri commerciali

Il mercato della cascina Carlinga
sfida i grandi centri commerciali

Sabato 29 novembre alla storica cascina Carlinga di Curno, dove un anno fa venne girato Il film «Ricordi di un partigiano» del registra Carlo Alberto Biazzi, aprirà il mercato di produttori agricoli organizzato da Confagricoltura Bergamo.

È a pochi metri dal centro commerciale di Curno, quasi una sfida dei piccoli produttori a chilometro zero alla grande distribuzione dei grandi centri commerciali. L’iniziativa proseguirà poi tutti i sabato mattina, dalle 9 alle 13, fino alla prossima estate. È un ritorno del mercato agricolo a chilometro zero alla cascina Carlinga dopo il buon esito ottenuto da aprile a giugno di quest’anno, quando venne promosso per soli due sabato al mese in via sperimentale.

La cascina Carlinga a Curno

La cascina Carlinga a Curno

Ora invece sarà presente tutti i sabato mattina con la presenza di tredici aziende bergamasche che si mettono in gioco, anzi «ci metteranno la faccia» come recita lo slogan del volantino pubblicitario, proponendo prodotti alimentari locali a filiera corta e con vendita diretta.

Mercato agricolo alla cascina Carlinga

Mercato agricolo alla cascina Carlinga

Una castagnata è prevista per l’inaugurazione della manifestazione di sabato. Tra i prodotti in vendita, si passa dal vino di Ranieri Levo ai formaggi vaccini dell’azienda Eredi Dolci, dai formaggi di capra di Le Galose ai piccoli frutti e alle confetture di Emiliana Bertoli; dall’olio dell’azienda Il Castelleto agli ortaggi sott’olio, piante e fiori di Matteo Moioli, dal vino e uova di Cavalli Faletti all’olio di nocciola e derivati di Sara Bonacina. Per concludere ci saranno gli ortaggi di Gianmichele Angeloni e il miele di Roberto Pelliccioli, gli ortaggi dell’azienda La Libellula e i salumi di Fustinoni. Sarà possibile anche acquistare olio d’oliva, mandorle e limoni prodotti dal socio di Confagricoltura Bergamo, Marco Carbone, nella sua azienda agricola siciliana.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 28/11/2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA