Giovedì 31 Luglio 2014

Il nuovo parcheggio per l’aeroporto

Ora Percassi rivuole i suoi metri cubi

L’area del nuovo parcheggio
(Foto by FotoBerg)

Duecentotrentasettemila metri cubi. Mica patatine. Ed Aviostil, società del gruppo Percassi, li rivuole indietro tutti. Intesi come capacità edificatoria. Erano quelli contenuto nel Pn16, l’area al confine con Orio al Serio venduta a Sacbo e dove sono in corso i lavori di realizzazione del parcheggio a servizio dello scalo.

Nei giorni scorsi i legali di Aviostil hanno presentato un’osservazione alla variante che, tra le altre cose, cancella le volumetrie, chiedendo che la variante non comporti la lor o soppressione o in subordine preveda la possibilità di utilizzarle in altri ambiti di trasformazione.

«L’accordo di programma non prevede la riduzione della capacità edificatoria» rilevano i legali. «Se realmente l’effetto della variante fosse quello di sopprimere in radice le volumetrie residue, si tratterebbe di un atto gravemente pregiudizievole e lesivo e per di più adottato senza enunciare una qualsiasi ragione di interesse pubblico da soddisfare».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 31 luglio

© riproduzione riservata