Il Pd di Treviglio a Pezzoni: «Dimettiti tu O dovremo chiederle noi le tue dimissioni»

Il Pd di Treviglio a Pezzoni: «Dimettiti tu
O dovremo chiederle noi le tue dimissioni»

In una conferenza stampa, sabato 26 settembre, il Pd di Treviglio (che ha tre consiglieri in Consiglio comunale) ha sottolineato che si attende da parte del sindaco Pezzoni un gesto di responsabilità, ovvero le dimissioni.

Ecco il comunicato del Circolo del Pd di Treviglio. «A Pezzoni e dalla sua maggioranza ci attendiamo un gesto di responsabilità. La vicenda umana e professionale di Pezzoni, sfociata in una serie di contestati reati a fronte di condotte penalmente rilevanti in parte ammesse dallo stesso Pezzoni, hanno irrimediabilmente compromesso i rapporto di fiducia tra Sindaco, Giunta e cittadini trevigliesi. Per questo i nostri consiglieri comunali chiederanno le dimissioni del Sindaco, ove sorprendentemente dovesse tardare oltre nel rassegnarle, quale dovuto atto di rispetto verso la Città, come è stato verso i Salesiani, importante e storica istituzione a cui esprimiamo tutta la nostra solidarietà e che davvero non meritava un simile trattamento».

«Ci auguriamo che le gravi condotte di cui Pezzoni è accusato, che in futuro potrebbero condurre l’interdizione dai pubblici uffici dello stesso, non siano state poste in essere anche nella digestione della cosa pubblica. E proprio per questo, per allontanare anche la minima ombra o dubbio, ci attendiamo che la maggioranza sia responsabile e consenta l’immediato commissariamento del Comune, senza usare l’alibi di operazioni in corso e conseguenti rischi per le casse comunali, ai quali è certamente possibile porre rimedio, con la garanzia di legalità e correttezza che sarebbe offerta dal Commissario».

«Del resto, chi accetterebbe, anche solo un minuto di più, di affidare i conti del proprio condominio ad un amministratore indagato per truffa aggravata e falso, dopo aver mentito per anni su un elemento fondante della sua credibilità e carriera?».

Circolo Pd Treviglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA