Giovedì 21 Agosto 2014

Il vescovo a metà pellegrinaggio
«Prendiamo i giovani sul serio»

Il peggegrinaggio col vescovo
(Foto by Yuri Colleoni)

«Il cammino è un linguaggio pertinente ed espressivo, nel quale credo molto. Soprattutto quando è condiviso, come sta accadendo in questi giorni, con il gruppo numerosissimo che pure non si sfilaccia».

Seduto su un gradino del casale di Castel Bagnolo, qualche chilometro dopo Orte, il vescovo di Bergamo Francesco Beschi si guarda intorno mentre parla. I pellegrini arrivano compatti, superando il cartello piazzato da mano ignota «Attenzione, persone allo stato brado», scherzosa variante degli avvisi che punteggiano le tenute fra Umbria e Lazio, dove il bestiame vaga libero.

Un benvenuto allegro, e allegro è il clima del terzo giorno, metà cammino, tappa di una quindicina di chilometri da Orte a Gallese. «Per parlare con i giovani – osserva il vescovo – bisogna fare insieme a loro, non ci sono altre strade. L’esperienza condivisa è il primo passo, poi occorre superare il rischio di far diventare l’esperienza un assoluto e il tempo del cammino aiuta a interiorizzare, a discernere ciò che conta e che si vuole conservare».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 21 agosto

© riproduzione riservata