Ingegneria medica all’Università È il primo corso del genere in Italia

Ingegneria medica all’Università
È il primo corso del genere in Italia

Era una delle promesse che il rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, Stefano Paleari, aveva fatto: una volta raggiunta una fase di assestamento negli investimenti sugli spazi a disposizione dell’Università, si sarebbe passati a investire di più sul capitale umano, sugli studenti e sulle proposte a loro dedicate.

Ed è proprio questo che si legge tra le righe del bilancio di previsione per il 2015, presentato lunedì 2 febbraio nella Sala Galeotti, nel Campus economico-giuridico in via dei Caniana, in un incontro aperto al pubblico. L’Università nel 2015 lavorerà tenendo conto, nei confronti degli studenti, di quattro parole chiave: qualità, semplicità, merito e welfare.

Confermato il Top Ten Program, programma dedicato agli studenti meritevoli, approvata una riduzione delle tasse per tutti gli studenti in base al reddito, l’Università stanzierà più fondi per la didattica e per la ricerca. Nel 2015 verranno assegnati alla didattica 4,3 milioni di euro, contro i 3,4 stanziati nel corso del 2014.

Si investirà inoltre nello sviluppo dell’offerta formativa (UniBg 20.20) per 200 mila euro, in particolare con l’introduzione di un corso di Ingegneria medica e tecniche della salute: «Il primo in Italia - ha sottolineato il rettore - con medici veri che insegneranno tra i banchi di un corso di ingegneria accanto ai “tradizionali” docenti. Un obiettivo raggiunto grazie alla collaborazione con l’ospedale Papa Giovanni XXIII, con il quale abbiamo stabilito una buona intesa».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 3 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA