Inps, proposta di Boeri per gli over 55: senza lavoro, reddito minimo garantito

Inps, proposta di Boeri per gli over 55:
senza lavoro, reddito minimo garantito

Il presidente dell’Inps, Tito Boeri «rivendica il diritto a fare proposte» dell’Istituto e torna a sostenere l’ipotesi di un reddito minimo per gli over 55 che perdono il lavoro e sono in una condizione di povertà.

La proposta da sottoporre a governo e Parlamento dovrebbe arrivare a giugno e per ora si sa solo che dovrebbe basarsi su risorse per un miliardo e mezzo di euro l’anno da ricercarsi all’interno della spesa per la protezione sociale. L’idea piace al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che spiega: «È uno dei temi che abbiamo in discussione: c’è un problema con chi è avanti con l’età e perde il lavoro. Dobbiamo trovare una soluzione e questa è una delle soluzioni possibili ed è interessante».

Boeri non ha chiarito quali dovrebbero i requisiti per accedere a questo assegno. Si sta ragionando su tutti coloro che sono in questa fascia di età con un reddito familiare sotto una certa soglia ma è possibile che, a fronte della carenza di risorse, la platea si restringa a coloro che hanno perso il lavoro e che si trovano in condizione di povertà.

Nel 2014 i disoccupati sopra i 55 anni - secondo i dati Istat - erano 209.000 (230.000 se si guarda all’ultimo trimestre dell’anno) e le risorse annue potrebbero quindi bastare se si ipotizzasse un sussidio di circa 600 euro per 12 mesi e senza accreditare contributi figurativi, ipotizzando che la grandissima maggioranza di questi disoccupati abbia un reddito sotto la soglia definita.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 15 aprile 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA