Mercoledì 30 Aprile 2014

Investito in bici a Seriate

Gravissimo il maestro Dal Lago

Carlo Dal Lago
(Foto by Zanchi)

Stava rientrando nella sua casa di Seriate in sella alla sua bicicletta quando, martedì mattina alle 11, in via Lunga – all’altezza del rondò della Fiera Nuova – è stato tamponato da una Clio Renault nera ed è caduto a terra sbattendo la testa e perdendo i sensi.

Carlo Dal Lago, 64 anni, molto conosciuto a Seriate per la sua attività politica e per la sua attività di maestro elementare, è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Papa Giovanni XXIII: dopo essere stato operato alla testa in mattinata i medici hanno preferito non sbilanciarsi ulteriormente circa le sue condizioni che comunque vengono definite molto critiche.

Da Lago è molto conosciuto in paese soprattutto per la sua intensa attività politica che lo vede esponente di spicco del centrosinistra. Maestro di scuola elementare in pensione, è stato candidato sindaco alle elezioni del 1999 e consigliere comunale in quel mandato terminato nel 2004. Anche durante la campagna elettorale in corso lo si è visto spesso ai gazebo del Pd.

Sul posto, subito dopo l’incidente, sono intervenute l’automedica e l’ambulanza del 118 per prestare le prime cure al ciclista. Per effettuare i rilievi del caso e per dirigere il traffico è intervenuta invece la polizia locale di Bergamo con una pattuglia e l’Unità mobile incidenti stradali che ha raccolto due testimonianze di automobilisti che hanno assistito all’incidente e ascoltato l’automobilista che ha tamponato la vittima, un uomo di 71 anni residente a Costa di Mezzate.

Questi, profondamente amareggiato per l’accaduto e preoccupato per le condizioni del 64enne, ha spiegato: «Stavo percorrendo via Lunga provenendo da Boccaleone e, giunto alla rotatoria, mi stavo apprestando a svoltare a destra per imboccare la rampa che mi avrebbe immesso sull’asse interurbano, quando all’improvviso ho sentito un forte rumore provenire dalla parte anteriore della mia auto e ho avvertito una piccola sbandata. Così mi sono fermato e solo qualche attimo dopo mi sono accorto di aver investito il ciclista e che le sue condizioni erano gravi».

© riproduzione riservata