La Federazione degli Ordini dei medici: serve subito un lockdown totale
Il pesidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli

La Federazione degli Ordini dei medici:
serve subito un lockdown totale

Lockdown generale in tutto il Paese al più presto, o in un mese - se il trend epidemico da Covid-19 in Italia non subirà un’inversione - ci troveremo dinanzi ad una situazione «drammatica» poichè il sistema «non sarà in grado di reggere». Il forte appello arriva dal presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli, che avverte: «A trend invariato, in 30 giorni dovremo fare i conti con un numero enorme anche di decessi».

«Considerando i dati di questa settimana come andamento-tipo e se li proiettiamo senza prevedere ulteriori incrementi - spiega Anelli all’Ansa- la situazione fra un mese sarà drammatica e quindi bisogna ricorrere subito ad una chiusura totale. O blocchiamo il virus o sarà lui a bloccarci perchè i segnali ci dicono che il sistema non tiene ed anche le Regioni ora gialle presto si troveranno nelle stesse condizioni delle aree più colpite», e «con la media attuale, in un mese arriveremmo ad ulteriori 10mila decessi».

Il lockdown totale, rileva Anelli, «è una richiesta forte ma da più partii del Paese arrivano segnali molto preoccupanti. La situazione sembra sempre di più evidenziare un Sistema sanitario nazionale alle corde». I numeri «ci dicono che in questa settimana abbiamo avuto una media di 1000 ricoverati al giorno; ciò significa che, se il trend non cambia, nei prossimi 30 giorni, per l’Immacolata, avremo altri 30mila ricoverati che si aggiungeranno ai 26mila attuali».

Sempre in questa settimana, afferma numeri alla mano, «abbiamo inoltre avuto una media di 116 ricoverati al giorno in terapia intensiva, quindi fra 30 giorni, sempre a trend invariato, avremo altre 3mila persone nelle Rianimazioni, per un totale di oltre 5mila pazienti in questi reparti. Ma circa 5mila - sottolinea - era la dotazione massima di posti letto disponibili nelle terapie intensive a marzo scorso, e se è vero che il governo ha aumentato il numero di posti letti a circa 11mila è però anche vero che oggi non abbiamo abbastanza medici e infermieri per gestire tali posti aggiuntivi».

L’altro «enorme rischio - aggiunge - è che si blocchino il resto degli interventi medici». Una scenario drammatico si prospetta, a trend invariato, secondo Anelli, anche in relazione ai decessi da Covid-19: «Nell’ultima settimana i morti sono stati in media 338 al giorno; in un mese, con tale media, arriveremmo a circa 10mila decessi». Così il sistema «non regge, anche perchè - avverte - gli effetti delle nuove misure restrittive non si vedranno prima di 20 giorni». Altro aspetto da considerare è che a gennaio «aumenteranno notevolmente i casi di influenza stagionale e sarà molto difficile, se non impossibile, gestire insieme le due emergenze. Il Ssn salta». «Bisogna - conclude il presidente della Federazione degli Ordini dei medici - arrivare al più presto alla misura più dura, ma necessaria, del lockdown generale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA