Venerdì 28 Giugno 2013

La Mai come il Ponte dei Sospiri
Maxipubblicità per pagare i restauri

La biblioteca Mai, in Piazza Vecchia, diventerà come il Ponte dei Sospiri a Venezia. Anche il Comune di Bergamo metterà all'asta la facciata per chi vorrà esporvi gigantesche pubblicità. Il costo? Un'affarone: per 150 metri quadri si parte da 100 mila euro.

L'obiettivo è quello di raccogliere i fondi per il secondo lotto dei lavori di ristrutturazione della biblioteca. A Venezia il fatto di aver tappezzato di pubblicità uno degli scorci più belli della città per finanziare il restauro aveva fatto discutere mezzo mondo.

Vedremo l'effetto che sortirà a Bergamo. tu cose ne pensi, commenta.

Il progetto è stato illustrato dal sindaco Tentorio, dall'assessore ai Lavori Pubblici Saltarelli, da quello alla Cultura Sartirani e dal direttore della Mai Elisabetta Manca durante la presentazione dei lavori del primo lotto, che dureranno minimo 6 mesi a partire dall'8 luglio.

Lotto che comprende il restauro del salone Furietti e della facciata monumentale, oltre alla trasformazione dell'impianto di riscaldamento da gasolio a metano. Per tutti questi lavori l'impegno finanziario è di 1,2 milioni che il Comune ha già a disposizione.

I fondi per il secondo lotto invece non ci sono. Si tratta di 1,4 milioni che serviranno tra l'altro per il restauro delle facciate non monumentali, per il ripristino dei pavimenti in cotto, per il rifacimento di impianti, per i serramenti interni, per la climatizzazione.

Il Comune punta sugli sponsor e sui ricavi derivanti dalle mega-pubblicità. L'associazione Amici della Biblioteca Mai ha anche aperto un conto per raccogliere donazioni da destinare ai lavori. All'interno della biblioteca è stato messo un salvadanaio: un turista americano ha già offerto 20 dollari.

r.clemente

© riproduzione riservata