Venerdì 20 Giugno 2014

La sorella: «Lui è innocente»

E la madre «dirà la sua verità»

I sigilli a casa Bossetti a Mapello
(Foto by Foto Yuri Colleoni)

Una sorella che si dice certa dell’innocenza del fratello. Gemello. Massimo Giuseppe Bossetti. «Sono sicura al cento per cento. Massimo è sangue del mio sangue, siamo cresciuti insieme e so che non c’entra nulla con il delitto di Yara. Non farebbe del male a nessuno. Questa cosa ha sconvolto la nostra vita e adesso pensiamo solo a farlo uscire presto» spiega in un’intervista a L’Eco di Bergamo Laura Letizia Bossetti,

«Ci sarà stato uno sbaglio, avranno voluto incastrarlo. Ma lui non potrebbe mai fare una cosa del genere. È una persona tutta casa, chiesa e lavoro, ama la sua famiglia, ama gli animali. Non può essere stato lui, e non credo a nessun raptus di follia».

La madre dei due, Ester Arzuffi, l’elemento chiave della vicenda perché secondo le indagini avrebbe avuto una relazione extraconiugale con Giuseppe Guerinoni, da cui sarebbe nato Massimo Giuseppe Bossetti (e sua sorella gemella Laura Letizia), ora in carcere per l’omicidio di Yara, «presto dirà la sua verità. Vuole poter intervenire per puntualizzare fatti ed eventi emersi in questi giorni e riportare la sua versione rispetto a temi che non ha ancora toccato» spiega il suo avvocato, Benedetto Maria Bonomo.

Nel pomeriggio di giovedì 19, intanto, è stata effettuata una nuova perquisizione nella casa del Bossetti a Mapello, ora posta sotto sequestro. «Immobile sottoposto a sequestro penale su disposizione della Procura della Repubblica»’, si legge ora alla porta d’ingresso della casa dell’uomo fermato in merito all’omicidio di Yara Gambirasio. La moglie Marita e i 3 figli hanno già lasciato la casa nei giorni successivi al suo arresto.

Leggi le 6 pagine speciali su L’Eco di Bergamo del 20 giugno

© riproduzione riservata