Sabato 11 Aprile 2009

La sottoscrizione continua da martedì: una delegazione della Caritas andrà in Abruzzo

Anche la vigilia di Pasqua ha portato 2.500 euro per la sottoscrizione de L'Eco di Bergamo e della Caritas diocesana bergamasca a favore delle popolazioni colpite dal sisma in Abruzzo: il totale è di circa 512 mila euro. La raccolta riprenderà martedì.

UNA DELEGAZIONE IN ABRUZZO
Nel corso della prossima settimana don Claudio Visconti, responsabile della Caritas bergamasca per l'emergenza, guiderà una delegazione che raggiungerà l'Abruzzo. Si dovrà decidere in particolare per quale iniziativa verranno utilizzati i fondi raccolti a Bergamo e con quale paese la Bergamasca sarà gemellata nell'opera di ricostruzione.

ECCO COME PARTECIPARE ALLA SOTTOSCRIZIONE

1)
Offerte consegnate direttamente presso la sede della Caritas Diocesana Bergamasca (ufficio amministrativo) in via del Conventino, 8 a Bergamo (da lunedì a venerdì dalle 9,00 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,00)

2) Direttamente a L'Eco di Bergamo, all'Ufficio Abbonamenti (al piano terra della palazzina gialla in viale Papa Giovanni XXIII, 124, accanto alla sede del giornale), dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30.

3)
Bonifico Bancario a favore della Caritas Diocesana Bergamasca – Via Conventino, 8 – 24125 Bergamo sul Credito Bergamasco – Filiale di Bergamo – Malpensata Codice IBAN IT40 O 03336 11105 000000006330, indicando la causale "Terremoto Abruzzo”

4) Versamento su conto corrente postale n. 11662244, intestato a Caritas Diocesana Bergamasca, Via del Conventino, 8 – 24125 Bergamo, indicando la causale del versamento “Terremoto Abruzzo” Coloro che desiderano usufruire della detraibilità fiscale per la propria offerta possono effettuare:

5) Un bonifico bancario a favore dell’Associazione Diakonia Onlus – Via Conventino, 8 – 24125 Bergamo, presso UBI - Banca Popolare di Bergamo – Sede di Piazza Vittorio Veneto, 8 in Bergamo Codice IBAN: IT 81 V 05428 11101 000000099169 indicando la causale “Terremoto Abruzzo”.

r.clemente

© riproduzione riservata