Legambiente premia la Val Brembana e boccia Bossico e Rovetta per le moto

Legambiente premia la Val Brembana
e boccia Bossico e Rovetta per le moto

Al via la «Carovana delle Alpi 2015», la campagna sullo stato di salute dell’arco alpino In Lombardia Legambiente assegna 3 bandiere nere ai nemici della montagna e una bandiera verde Alpi, tra turismo sostenibile e imprenditoria di qualità e sfregi al territorio

In Lombardia l’unica bandiera verde per il 2015 se l’aggiudica il polo culturale Mercatorum e Priula – «Vie di Migranti, Artisti, dei Tasso e di Arlecchino», in Valle Brembana, mentre le bandiere nere sono ben tre: ai Comuni di Bossico e Rovetta (Bergamo), al Comune di Valvestino (Brescia) e una condivisa tra Lombardia e Trentino e Alto Adige/ Südtirol per la proposta di scissione e declassamento del Parco dello Stelvio. Sono questi i vessilli che Legambiente ha consegnato in occasione della partenza della «Carovana delle Alpi», la campagna annuale sullo stato di salute dell’arco alpino, che anche quest’anno torna a segnalare le situazioni più virtuose assegnando le Bandiere Verdi, e le realtà peggiori, quelle che mettono in campo le scelte più impattanti, che aumentano il consumo di suolo, che incidono pesantemente sulla qualità ambientale e sociale della vita in montagna, e che si fregiano quindi delle Bandiere Nere.

Camerata Cornello

Camerata Cornello

«Il dossier di Carovana delle Alpi 2015 mostra un panorama a luci ed ombre. Certamente continuare a investire in nuove colate di cemento e in altre grandi infrastrutture stradali per aumentare l’attrattività turistica corrisponde ad una ipotesi di sviluppo obsoleta, anzi decisamente sorpassata – ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza - Non è sfregiando ulteriormente il territorio che potremo rispondere alla attuale crisi economica, ma bensì con una visione più ampia e lungimirante dello sviluppo imprenditoriale montano, con una strategia basata sulla valorizzazione della natura e sul protagonismo delle comunità locali, capaci di creare connessioni tra arte, cultura, tradizioni, ambiente e enogastronomia. Al contrario, applicare il modello consumistico di pianura alle località di montagna può essere doppiamente stupido, perché si perde la specificità su cui sviluppare il rilancio, e soprattutto perché si impedisce alla montagna di fare il suo mestiere di prevenzione rispetto alla sicurezza della pianura (dissesto in primis), per cui il consumo e l’impermeabilizzazione del suolo rappresentano un pessimo affare. Il rilancio della montagna può avvenire con successo grazie all’adozione delle giuste politiche di tutela e all’introduzione delle più moderne tecnologie, come avviene da qualche anno nel settore delle energie rinnovabili, settore nel quale le comunità montane spiccano per efficienza e qualità».

Legambiente assegna una bandiera verde al polo culturale Mercatorum e Priula – «Vie di Migranti, Artisti, dei Tasso e di Arlecchino», per aver avviato un percorso sovracomunale di tutela delle specificità territoriale con la capacità di proiettare queste peculiarità locali in un orizzonte europeo. Tre le bandiere nere lombarde assegnate nel 2015. Ai Comuni di Bossico e Rovetta per non avere contrastato in nessun modo il transito abusivo e invasivo dei mezzi motorizzati sui sentieri e le strade agro-silvo-pastorali (Vasp) ed avere autorizzato manifestazioni motoristiche che hanno interessato prati e boschi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA