«L’estate è qui: arriva il caldo africano» Anche a Bergamo si toccheranno i 31°

«L’estate è qui: arriva il caldo africano»
Anche a Bergamo si toccheranno i 31°

«L’estate fa ora sul serio, arriva il caldo africano». Lo dice Edoardo Ferrara di 3BMeteo.com: «Caldo in arrivo per diversi giorni, con picchi di oltre 33-34° entro giovedì». A Bergamo si toccherà quota 31°; qualche temporale in montagna.

Nei prossimi giorni, spiega Ferrara, un robusto campo di alta pressione si espanderà sull’Europa centrale interessando anche la nostra Penisola, dove arriveranno correnti molto calde direttamente da Marocco ed Algeria. Avremo dunque non solo condizioni di bel tempo prevalente, ma temperature in costante aumento tanto che entro giovedì torneremo a superare punte di 33-34°C sulle aree interne.

«Le regioni del Centronord saranno le più colpite da questa nuova ondata di calore – prosegue l’esperto – mentre il Sud risentirà ancora di refoli d’aria lievemente più fresca provenienti da Balcani. Tra le città più calde Trento, Bolzano, Aosta, Milano, Verona, Bologna, Firenze, Grosseto, Terni, Roma dove da metà settimana si potranno superare i 31-32°C. Farà caldo anche in montagna, in particolare sulle Alpi dove a 1000m si prevedono punte di 27°C, fino a 23°C a 1500m, con zero termico diurno anche oltre i 3500m».

A Bergamo città attesi 27 gradi martedì, 29 mercoledì e 31 gradi giovedì e venerdì.

«Qualche temporale di calore potrà comunque svilupparsi in montagna – avverte Ferrara – in particolare lungo l’Appennino centro-meridionale e durante il pomeriggio, ma occasionalmente anche lungo la cerchia alpina. I fenomeni potranno saltuariamente sconfinare sulle aree interne prospicienti e sul basso versante tirrenico, ma si tratterà appunto di episodi in genere localizzati e di breve durata».

«L’ondata di caldo dovrebbe durare almeno fino al 7-8 giugno – conclude l’esperto – nei giorni a seguire è probabile un indebolimento dell’alta pressione con ritorno di correnti più fresche dal Nord Europa associate a qualche acquazzone o temporale in più, in particolare al Nord. Resta comunque ancora una ipotesi che necessita di ulteriori conferme. Da notare infine come anche i primi di giugno dello scorso anno venivamo interessati da una ondata di caldo africano anche più intensa di questa, con punte di 36-37°C al Nord e Toscana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA