L’ex gasometro finisce al rogo nella festa di mezza Quaresima

L’ex gasometro finisce al rogo
nella festa di mezza Quaresima

Sabato 14 il «Rasgamènt de la Egia» in Piazza Pontida. Domenica 15 la sfilata: attesi 80 carri e 4.000 figuranti.

Presentata nella sede del Ducato di Piazza Pontida a Bergamo la sfilata di Mezza Quaresima 2015. Al tavolo dei relatori il Duca Mario Morotti «Smiciatöt», il Duca emerito Bruno Agazzi «Liber Prim» e Gianluigi Morosini, direttore del Giopì, organo di stampa ufficiale del Ducato. La conferenza è stata l’occasione per svelare il tema del «Rasgamènt de la Egia» di quest’anno: sul rogo finirà il vecchio gasometro di Bergamo, l’area ormai abbandonata da tempo situata dietro la stazione ferroviaria.

Un’immagine della scorsa edizione

Un’immagine della scorsa edizione

Annunciato anche il programma della manifestazione, che quest’anno abbraccerà l’intero fine settimana. Gli spettacoli folcloristici in cartellone – in Piazza Vecchia e al Quadriportico del Sentierone – e il tradizionale Rogo della Vecchia che avrà luogo in Piazza Pontida saranno anticipati alla giornata di sabato 14 marzo, che culminerà con l’elezione della «Égia piö bèla».

Domenica 15 nel pomeriggio, tre colpi di cannone sparati dagli spalti delle Mura daranno il via alla parata, che si aprirà con il passaggio in carrozza del Duca di Piazza Pontida, seguito da carri, gruppi danzanti e tamburini. Dalla provincia di Bergamo, dal bresciano, dal lecchese, dalla provincia di Cremona e da quella di Venezia, dal Carnevale di Erba e da quello di Bellano arriveranno in città quasi un’ottantina di carri e più di 4.000 figuranti, di cui 400 solo da Tagliuno e 200 da Almenno San Salvatore. Per la prima volta prenderanno parte alla manifestazione gruppi di Ardesio, Dossena e Vall’Alta, che porteranno le loro tradizioni: la «Scasada del zenerù» la «Mascherada de Dossena», e Vall’Alta Medievale. Per la gioia dei più piccoli, durante la manifestazione verranno distribuiti migliaia di zuccherini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA