Libri, Amazon:  Bergamo  è 10ª in Italia E tu  li compri, li leggi? Vota il sondaggio

Libri, Amazon: Bergamo è 10ª in Italia
E tu li compri, li leggi? Vota il sondaggio

Se nell’onnivora Milano si legge di tutto, a Trieste si sogna di viaggiare, e a Roma l’interesse vira tutto sulla cucina; e mentre Torino si immerge nella fantascienza, a Firenze vince il self-help. Bergamo chiude la top ten.

È un’inedita rappresentazione dell’Italia quella proposta da Amazon, che per il terzo anno consecutivo ha stilato la classifica delle città italiane più virtuose in fatto di libri, i cui risultati in parte confermano quelli dell’anno scorso, anche se con qualche distinguo.

Nell’ormai nota classifica, individuata secondo il numero di titoli in formato cartaceo ed eBook acquistati dai lettori su Amazon.it durante l’ultimo anno su base pro capite, in città con più di 100 mila abitanti, le sorprese per il 2015 non riguardano il podio. Vince infatti ancora Milano, al primo posto per il consumo sia di libri cartacei che digitali (da leggere sul Kindle), seguita da Trieste e Trento.

I libri? Si leggono anche sui tablet

I libri? Si leggono anche sui tablet

Dopo l’oro, l’argento e il bronzo, dalla quarta alla settima posizione arrivano Padova, Cagliari, Bologna e Firenze (quest’ultima scende di due posti rispetto al 2014). Fanalini di coda della top ten, non dunque in assoluto, Roma (che guadagna però una posizione), Bolzano e Bergamo.

Per quanto riguarda invece i titoli più apprezzati dal pubblico, vince Il Grande Gatsby che conquista le prime posizioni in ben 42 sulle 48 città incluse nella classifica, seguito da Il tempo della verità di Glenn Cooper (terzo titolo a Torino e Firenze, quarto a Roma e Milano, ed è presente nella top 3 in 20 città).

Secondo il colosso del web, lo Stivale appare dunque come un Paese in cui la lettura, tradizionale o hi tech (il consumo dei libri digitali è in crescita, anche perché più conveniente economicamente grazie anche a particolari formule di abbonamento), può essere annoverata ancora tra le passioni.

Chi l’ha detto allora che il posto migliore per leggere sia sotto l’ombrellone? Molto spesso è proprio la vita frenetica delle città a spingerci alla lettura, un valido strumento che rappresenta al tempo stesso una fonte di intrattenimento, ma anche un rifugio di benessere e tranquillità. E allora, su un prato o la panchina di un parco, sulla metropolitana o seduti su un gradino per strada, ogni luogo può essere il posto giusto per leggere. Basta avere un libro tra le mani: di carta o digitale poco importa, purché ne valga la pena.


© RIPRODUZIONE RISERVATA