Licei Capitanio e Sant’Alessandro Tanti indirizzi, un’unica presidenza

Licei Capitanio e Sant’Alessandro
Tanti indirizzi, un’unica presidenza

Il consiglio di amministrazione dell’Opera Sant’Alessandro ha deciso di unificare le presidenze del Collegio Sant’Alessandro e del Liceo Capitanio di Bergamo.

Il consiglio di amministrazione dell’Opera Sant’Alessandro - viene spiegato in un comunicato - volendo rispondere all’invito del vescovo di Bergamo, mons. Francesco Beschi, teso a ribadire il convinto impegno della Diocesi ad investire nel campo dell’educazione, ha compiuto una approfondita analisi della situazione delle scuole dell’Opera.

I criteri della verifica sono stati: innanzitutto l’attenzione alle persone, poi il forte impegno per un progetto educativo e formativo globale, la capacità di introdurre elementi didattici sempre più qualificanti e, al medesimo tempo, la positività del mettersi in discussione sulla complessità dell’esistente. Dato oggettivo con cui necessariamente confrontarsi restano però difficoltà economiche importanti.

Si è comunque deciso di investire in nuovi modelli organizzativi e didattici, capaci di valorizzare l’esistente e proiettati in una dimensione europea e internazionale. Punto di partenza è sicuramente la ricchezza dei due licei, Sant’Alessandro e Capitanio, con una storia importante alle spalle che intrecciandosi può creare un utile laboratorio di scambio di progetti, di sinergia di forze, di arricchimento reciproco nel dialogo di persone e strumenti.

Pertanto il primo passo che si è deciso di compiere è l’unificazione delle presidenze del Collegio Sant’Alessandro e del Liceo Capitanio. I due soggetti manterranno gli indirizzi e le specificità, ma avranno un solo preside, che sarà il prof. Domenico Gualandris con la collaborazione reciproca delle precedenti dirigenze e dell’intero corpo docenti che finora ha dato valore all’opera educativa.

Lo scopo, attraverso tale unificazione, è quello di giungere ad una ulteriore apertura alle nuove sfide gestionali e alle richieste educative che ci vengono dall’Europa nell’ambito scolastico e riguardo alla formazione delle nuove generazioni.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 2 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA