Liceo Sarpi, presto un museo per tutti con la collezione di strumenti scientifici

Liceo Sarpi, presto un museo per tutti con la collezione di strumenti scientifici

L’Associazione ex alunni del Liceo Paolo Sarpi, sostenuta dal contributo di 15.000 euro erogati dalla Fondazione della comunità bergamasca, realizzerà un «museo» con la collezione degli strumenti scientifici del Sarpi che diverranno così patrimonio di tutta la collettività. Tra gli oggetti, preziosi, ci sono mappamondi, rari strumenti di precisione del XVIII e XIX secolo, e anche una preziosa «macchina planetaria» del Settecento. Per realizzare l’iniziativa sarà necessaria, tra l’altro, una meticolosa catalogazione degli strumenti e per alcuni anche il restauro.L’associazione degli ex alunni, che raccoglie ex sarpini di tutte le età con il progetto «Realizzazione museo degli strumenti scientifici del Liceo classico Paolo Sarpi» ha vinto il 3° bando di concorso 2006 della Fondazione della comunità bergamasca promosso per la tutela, la promozione e la valorizzazione di beni di interesse storico e artistico.Per realizzare il progetto e per ottenere il contributo dalla Fondazione l’associazione ex alunni ha lanciato una campagna per la raccolta di fondi: per poter accedere ai 15.000 euro è infatti necessario raccogliere il 20% della somma. La partecipazione all’iniziativa è aperta a tutti coloro - ex alunni Sarpi oppure no – che desiderano contribuire. Si può fare un bonifico sul conto corrente N. 24614 intestato all’Associazione ex alunni Sarpi presso la Banca Popolare di bergamo, Cin: N, Abi: 05428, Cab: 11101, con la causale «contributi per realizzazione museo scientifico Liceo Sarpi». I donatori – persone fisiche, enti, associazioni o aziende – saranno ricordati nella pubblicazione del catalogo e con una targa collocata nel futuro museo scientifico sarpino. «Per ulteriori informazioni sul progetto è possibile rivolgersi all’Associazione ex alunni Sarpi all’indirizzo [email protected], oppure al presidente Giuliano Olivati al 335-6069107.(02/11/2006)

© RIPRODUZIONE RISERVATA