L’ingegnere bergamasco che fa rivivere i treni
Luigi Cantamessa

L’ingegnere bergamasco
che fa rivivere i treni

È bergamasco il direttore della Fondazione delle Ferrovie statali italiane, costituita per promuovere il patrimonio storico ferroviario nazionale. Si tratta dell’ingegner Luigi Cantamessa, di Trescore, da sempre appassionato di ferrovia e di treni.

Nel suo curriculum ci sono la laurea in Ingegneria dei trasporti conseguita a pieni voti al Politecnico di Milano e un corso di alto perfezionamento in Economia e management delle infrastrutture e dei trasporti alla Scuola di direzione aziendale della «Bocconi» di Milano.

«La mia passione per la ferrovia e i treni nasce da quando ero molto piccolo – racconta –. Al mare sulla riviera Adriatica volevo sempre andare, nel passeggino, dove c’era il passaggio a livello per vedere i treni. A Trescore non c’è la ferrovia. Nel 1985 in occasione della famosa nevicata sono andato in treno da Montello a Bergamo; anche con un metro di neve sulle strade, il treno trainato da una locomotiva E636 non si è fermato mai. Era indescrivibilmente bello viaggiare su quel treno... Da allora ho cominciato a leggere libri sul tema, a seguire il collezionismo e il modellismo ferroviario fino alla decisione di diventare un ingegnere ferroviario».

Cantamessa si occupa della flotta dei mezzi storici, che ora segue come direttore della Fondazione voluta dal Gruppo FS Italiane

Tutta la stora su L’Eco di Bergamo in edicola il 1° novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA