L’interporto rimasto sulla carta In fumo oltre 11 milioni di euro

L’interporto rimasto sulla carta
In fumo oltre 11 milioni di euro

Con il sogno (rimasto tale) dell’interporto di Montello sono andati infumo investimenti pubblici e privati per oltre 11 milioni di euro.

Finiti in un nulla di fatto con l’opera mai partita. La Sibem, la società nata per realizzare l’opera, è in liquidazione da due anni e ha chiuso gli ultimi rendiconto in passivo. Le perdite si ripercuotono anche sui conti degli enti che ne costituiscono la compagine societaria: Comune tramite la partecipata Cobe, Provincia, Camera di commercio, Trenitalia e Stilo immobiliare, (società del gruppo Percassi) che detiene il 90,90% delle quote.

E dopo le polemiche per i conti in rosso della Cobe, l’amministratore Bonaldi difende «la buona gestione, in attivo della società».


Due pagine su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA