Lite in famiglia finisce nel sangue Accoltellato un 45enne, è grave

Lite in famiglia finisce nel sangue
Accoltellato un 45enne, è grave

Una lite in famiglia a Cisano finisce nel sangue: con un uomo di 45 anni accoltellato da un sessantacinquenne. Il ferito è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e nel tardo pomeriggio è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

L’accoltellatore è stato arrestato per tentato omicidio e portato nel carcere di via Gleno, sempre in città. La lite è scoppiata verso le 15 di ieri dentro casa, tra il sessantacinquenne e il convivente della figlia che si trova in Germania per lavoro. Non sono ancora chiari i motivi del litigio sul quale stanno indagando i carabinieri della stazione di Cisano.

Pare che la figlia volesse ormai trasferirsi in Germania con i due figli minorenni e stabilirsi là per lavoro, insieme anche al convivente. Il padre, quindi, sarebbe rimasto da solo a casa, con difficoltà economiche nel pagare l’affitto e avrebbe chiesto aiuto anche al Comune. La furibonda lite è terminata con due coltellate sferrate dal più anziano dei due al convivente della figlia, colpito al torace.

Il ferito sarebbe stato trovato sul divano, in un lago di sangue, mentre l’aggressore, all’arrivo dei carabinieri, avrebbe ammesso il suo gesto. Pare che la difficile situazione della famiglia fosse conosciuta dai Servizi sociali del Comune che stavano cercando di intervenire, anche per la presenza di due minori in famiglia.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola lunedì 31 agosto 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA